www.giornalelirpinia.it

    19/10/2018

Avellino e Cremonese fanno solo accademia e si accontentano, finisce 0-0

E-mail Stampa PDF

Il difensore Marco Migliorini (fonte Us Avellino)AVELLINO-CREMONESE 0-0

AVELLINO (4-4-1-1): Radu; Laverone, Migliorini, Marchizza, Ngawa; D'Angelo, De Risio, Di Tacchio, Bidaoui; Gavazzi; Castaldo (19’ Asencio). A disposizione: Lezzerini, Pozzi, Pecorini, Kresic, Falasco, Evangelista, Rizzato, Carbonelli, Wilmots. Allenatore: Novellino.

CREMONESE (4-3-1-2): Ujkani; Cinaglia, Canini, Garcia Tena, Renzetti; Arini, Pesce (39’ st Cinelli), Cavion; Castrovilli (22’ st Piccolo); Brighenti, Paulinho (34’ st Scappini). A disposizione: Ravaglia, D’Avino, Procopio, Marconi, Putzolu, Macek, Gomez. Allenatore: Tesser.

Arbitro: Aleandro Di Paolo di Avezzano. Guardalinee: Pasquale Cangiano di Napoli e Francesco Fiore di Barletta. Quarto uomo: Fabio Natilla di Molfetta.

Ammoniti: 7’ st Marchizza, 15’ st Garcia Tena, 42’ st Cavion.

Recuperi: 3’più 2’.

AVELLINO – Finisce 0-0 tra Avellino e Cremonese al termine di una gara che ha dato veramente poche emozioni agli spettatori presenti questo pomeriggio sugli spalti del Partenio-Lombardi. Le due squadre hanno badato a controllarsi a vicenda facendo prevalere un esasperato tatticismo che, alla lunga, ha influito non poco sul livello del gioco che si è visto, in verità, solo a sprazzi. Sia Novellino che Tesser - che il pubblico irpino ha accolto con un applauso al momento del suo ingresso in campo - hanno badato innanzi tutto a non prenderle e lo si è visto chiaramente dalla piega che ha preso il match fin dalle prime battute. L'Avellino, comunque, fa un piccolo passi avanti in classifica e si prepara ora al prossimo impegno in terra di Puglia, sabato prossimo, contro il Foggia che è riuscito oggi ad espugnare il campo della Virtus Entella.

La cronaca – Prolungata fase di studio da parte delle due squadre che cincischiano prevalentemente nella zona centrale del campo dando vita ad una versione aggiornata dell’antico gioco della palla prigioniera. Bisogna attendere, pensate un po’, fino al 19’ pt per assistere alla…sostituzione di Castaldo infortunatosi al polpaccio destro: al suo posto in campo ci va il giovane Asencio. Non è praticamente finora successo nulla sul piano del gioco che sia degno di passare agli onori della cronaca. Ci pensa però Migliorini a creare, un minuto dopo, una qualche emozione costringendo il suo portiere ad intervenire deviando un tentativo di conclusione di Cinaglia. Gara decisamente dai toni modesti, segnata da tatticismi esasperati sull’uno e sull’altro fronte. Al 27’ pt la prima conclusione della partita, di testa, in area lombarda, di capitan D’Angelo su cross di Gavazzi, para Ujkani. Al 29’ pt ancora Gavazzi protagonista con un tiro bloccato dal portiere ospite. Sembrano salire i ritmi dell’incontro soprattutto per merito dei padroni di casa che danno ora maggiore continuità alla propria manovra offensiva. Al 35’ pt bisogna sostituire il pallone, letteralmente scoppiato, dopo un tackle tra Di Tacchio e Brighenti. Un minuto dopo bella rovesciata a volo in area di Asencio, palla di poco sulla traversa. Insiste l’Avellino in avanti: al 40’ pt ancora Asencio di testa, su una punizione di Di Tacchio, costringe Ujkani ad una spettacolare parata. Si dimentica del cartellino giallo l’arbitro Di Paolo dopo un evidente e clamoroso fallo di Brighenti su Asencio. Tre i minuti di recupero. Cremonese vicino al vantaggio in chiusura con Cavion la cui conclusione ravvicinata in corsa è bloccata da Radu.

Ripresa – Squadre in campo con le stesse formazioni. I tifosi della Cremonese abbandonano il settore ospite in segno di protesta dopo che viene loro rimosso uno striscione non autorizzato. Al 4’ st incursione sulla fascia di Bidaoui che serve Asencio la cui conclusione di testa è fuori di poco. Al 7’ st l’arbitro ritrova…il cartellino giallo ed ammonisce Marchizza per un fallo su Castrovilli. Al 12’ st conclusione elaborata di Asencio, palla abbondantemente fuori. Sale la manovra dei lombardi. Al 15’ st arriva la seconda ammonizione della gara: se la becca Garcia Tena per un fallo su Asencio. Si fa più intensa la pressione dei padroni di casa, ma i lombardi sono attenti a controllarne la manovra. Al 22’ st prima sostituzione nelle file della Cremonese: fuori Castrovilli, dentro Piccolo. Al 25’ st conclusione di sinistro del neo entrato, palla sull’esterno della rete. Due minuti dopo conclusione alta sulla traversa di Laverone servito da Bidaoui. Il marocchino ancora protagonista al 28’ st con un’incursione sulla fascia sinistra, ma la palla da lui messa in area è allontanata dalla difesa lombarda. Insistono i biancoverdi in avanti ma si espongono al contropiede dei biancorossi di Tesser con Paulinho sempre in agguato. Al 34’ st nella Cremonese Scappini rileva proprio Paulinho. Provano ancora i padroni di casa a riversarsi in avanti con Bidaoui. Tesser risponde mandando in campo, al 39’ st, Cinelli al posto di Pesce. Al 42’ st ammonito Cavion. Due i minuti di recupero. Finisce 0-0.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com