www.giornalelirpinia.it

    23/01/2018

Il concerto/Grande musica al Cimarosa per l’omaggio a Rossini

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Spettacoli5_duo_rossini.jpgAVELLINO – Nel 150esimo anniversario della morte il Conservatorio «Cimarosa» di Avellino omaggia il grande Gioacchino Rossini con un concerto per pianoforte a quatto mani portato in scena dal «Duo Rossini» dei maestri Lucio Grimaldi e Demetrio Massimo Trotta. Domani, venerdì 12 gennaio, alle ore 20:30, nella consueta location dell’auditorium «Vitale», si terrà il concerto per pianoforte a quattro mani dal titolo «Brindando a Rossini», omaggio ad uno dei più grandi compositori italiani dell’800 scomparso il 13 novembre del 1868.

Sul palco della Casa della musica di Piazza Castello – si legge in una nota – le intramontabili melodie di Rossini saranno portate in pedana dai maestri Lucio Grimaldi e Demetrio Massimo Trotta che insieme compongono il «Duo Rossini», formazione pianistica nata dalla comune passione per il repertorio musicale sinfonico trascritto a quattro mani e due pianoforti e per le ouverture rossiniane, eseguite integralmente, in un repertorio che spazia, inoltre, dal periodo barocco a quello contemporaneo.

«Brindando a Rossini» è l’undicesimo appuntamento con il cartellone de «Il Cimarosa suona bene», rassegna concertistica organizzata dal Conservatorio di Avellino, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, realizzata con la collaborazione del Teatro San Carlo di Napoli, della Diocesi di Avellino e la Fondazione Telethon, che fino alla fine del mese di gennaio accompagnerà il pubblico del «Cimarosa» nella grande musica classica, nel jazz, nella musica sperimentale, nel tango, nel gospel e nel rock ‘n’ roll, con momenti di riflessione e di confronto immaginati per celebrare la Giornata della memoria.

Il programma della serata si dipanerà attraverso arie tra le più belle e famose del repertorio rossiniano con intermezzi variegati incentrati sulle composizioni musicali trascritte per pianoforte a quattro mani di altri grandi compositori stranieri. Un viaggio musicale per il mondo che, partendo dalla Spagna toccherà la Russia, la Romania, la Francia, l’Austria e ovviamente l’Italia. Si partirà con la «Danza ritual del fuego» di De Falla e «La gazza ladra» di Rossini nei tempi Maestoso Marziale / Allegro, per passare al «Waltz from jazz suite» di Shostakovic e a «Il Barbiere di Siviglia» Andante Maestoso / Allegro con Brio per arrivare alla «Hora staccato» di Dinicu.

La seconda parte del programma, invece, prenderà le mosse dalla «Ouverture» tratta dalla «Carmen» di Bizet e dal «Waltz from Faust» di Gounod, per passare a «La Danza» sempre di Rossini e al walzer di Richard Strauss «Sul bel Danubio blu». Il gran finale sarà affidato nuovamente al repertorio rossiniano con il «Galop» del «Guglielmo Tell» sul tempo Allegro Vivace.

«Brindando a Rossini» sostituisce il concerto «Il flauto dal Barocco all’Ottocento» originariamente previsto dal programma della rassegna «Il Cimarosa suona bene». Come consuetudine, il concerto di venerdì 12 gennaio, alle 20:30, sarà ad ingresso gratuito  fino ad esaurimento posti a sedere. Per maggiori informazioni telefonare al numero 0825.30622.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com