www.giornalelirpinia.it

    26/06/2019

Asl Avellino, dati Agenas: trend positivo

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Attualita10_asl_av.jpgAVELLINO – Il trend complessivo che riguarda l’Asl di Avellino, sulla scorta dei dati del rapporto della Agenzia nazionale della Sanità – esiti 2018, riferiti alle prestazioni erogate nel 2017, conferma una tendenza al miglioramento dei dati. Infatti – si legge in un comunicato dell’Asl – le percentuali di parti cesarei sono passate da un valore del 34,54% del 2015 a 26,59% del 2017; lo stesso dicasi per i dati relativi alla frattura del collo del femore, operata entro le 48 h, che mostrano il passaggio da un valore di 20,65% del 2015 ad un valore del 48,39 del 2017 (Dati Agenas – Asl Avellino).

I dati dell’Asl di Avellino evidenziano, quindi, come sia calato il numero di parti cesarei, così come è diminuito il numero di chi non sopravvive ad un infarto. Nello specifico, per i pazienti colpiti da infarto miocardico acuto ad ST elevato (Stemi), la proporzione di trattati con Ptca entro 2 giorni è passata dal 60,42 nel 2015 al 66, 06% del 2017 (Dati Agenas – Asl Avellino), la mortalità a 30 giorni per infarto miocardico acuto è passata dal 10,5% del 2015 al 7,69 del 2017 (Dati Agenas – Asl Avellino). Per ciò che riguarda il tasso di mortalità a 30 giorni per lo scompenso cardiaco congestizio, i dati Agenas confermano la virtuosità dell’Uoc cardiologia – Utic del P.O. di Ariano Irpino mentre restano le criticità relative al P. O. di Sant’Angelo dei Lombardi per il quale l’Asl ha previsto un importante investimento con l’attivazione a breve dell’Unità operativa cardiologica. Riguardo i dati sull’infarto miocardico acuto trattato entro due giorni e sulla mortalità a 30 giorni per la stessa patologia, l’attivazione presso il P.O. di Ariano Irpino dell’emodinamica, per la quale si attende l’erogazione dei fondi per l’edilizia sanitaria ex art. 20, ridurrà i tempi necessari per la coronarografia che al momento viene effettuata presso l’Azienda ospedaliera Moscati; per i pazienti con Stemi, le procedure di rivascolarizzazione (angioplastica e stent) vengono garantite entro due ore o entro massimo 24 h se questi ultimi sono stati preventivamente trattati con trombolisi efficace.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com