www.giornalelirpinia.it

    17/12/2017

Ariano: estorsione e minacce dopo il rapporto sessuale, in manette la «Circe» romena

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Carabinieri5_arian_arres.jpgARIANO IRPINO – I carabinieri della compagnia di Ariano Irpino hanno tratto in arresto in flagranza di reato una donna di 40 anni di origine romena ritenuta responsabile del reato di estorsione aggravata.

L’indagine ha preso il via a seguito di una  denuncia presentata da un uomo il quale, vincendo un comprensibile stato d’imbarazzo, ha raccontato ai militari della stazione della città del Tricolle di aver conosciuto la donna tramite un noto sito web dedicato a combinare incontri amorosi. Dapprima l’ha frequentata virtualmente; poi ha fissato con lei un appuntamento per consumare un rapporto sessuale a pagamento.

La romena, incassato il compenso pattuito, avrebbe richiesto al suo cliente un’ulteriore somma di 2 mila euro minacciando, in caso di mancata consegna entro pochi giorni, di spifferare ogni cosa ai familiari dell’uomo e a terze persone. Il malcapitato, dopo l’angoscia iniziale, si è deciso a rivolgersi ai carabinieri. I militari hanno valutato tutti gli elementi a disposizione e hanno organizzato un servizio mirato per cogliere con le mani nel sacco l’autrice dell’estorsione. Hanno suggerito all’uomo di stare al gioco della donna, facendole portare il denaro richiesto. Sul luogo dell’incontro, senza farsi scorgere hanno seguito tutti i movimenti dei due, intervenendo nel momento in cui la vittima consegnava i soldi alla seduttrice.

Inchiodata alle proprie responsabilità, la donna è stata tratta in arresto e associata in regime di detenzione domiciliare presso la propria abitazione. L’indagine - coordinata dalla procura della Repubblica di Benevento diretta dal procuratore Aldo Policastro e condotta dai militari del nucleo radiomobile di Ariano - ha consentito di accertare che la romena, residente ad Ariano ma domiciliata a San Giorgio del Sannio, in provincia di Benevento, aveva intrapreso una mal simulata attività di meretricio. Pubblicava, per adescare le sue vittime, un annuncio on-line. Fissava un iniziale incontro con i clienti ai quali garantiva di offrire sfrenate prestazioni sessuali a pagamento. Purtroppo, però, la fase del primo incontro si trasformava, per l’ignaro avventore, in un autentico calvario giacché doveva soggiacere a vere e proprie richieste estorsive.

L’avvenente 40enne sceglieva con cura le vittime, preferendo soggetti che per situazioni sociali, lavorative, economiche o familiari erano facilmente vulnerabili. Sono tuttora in corso accertamenti tesi ad appurare eventuali ulteriori responsabilità della donna in analoghi episodi criminosi. I militari dell’Arma colgono l’occasione per invitare le eventuali altre vittime a segnalare tali episodi al 112 o direttamente al comando compagnia di Ariano Irpino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com