www.giornalelirpinia.it

    26/06/2019

A chi appartieni, un libro-omaggio per ricordare Ettore Scola

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Cultura3_scola.jpgTREVICO – Ospitiamo la nota critica di Giuseppe Iacoviello sul libro-biografia dedicato ad Ettore Scola scritto da Giuliana Caputo e Mariangela Cioria.

*  *  *

Il volume A chi appartieni vuol essere un omaggio alla famiglia Scola che tanto ha rappresentato per Trevico e per l’Irpinia, soprattutto per Ettore che ha fatto del “cinema” la sua vita.  Il libro romanzato scaturisce dalla fulminea morte del regista e dall’amore che egli aveva per Trevico e la sua gente. A chi appartieni? È una domanda che probabilmente lo stesso Scola rivolgeva ai paesani che lo andavano a trovare sia a Roma che in paese per conoscere l’appartenenza al casato (o al soprannome) onde meglio comprendere il quadro dei componenti delle famiglie del luogo natio. Il bastone, riportato in copertina, è il simbolo di saggezza antica, di vecchiaia, di sostegno, di parentado, di lignaggio.

Le autrici, Giuliana Caputo e Mariangela Cioria, hanno preso spunto dalla dipartita dell’illustre personaggio per esprimere l’affetto incondizionato nei suoi confronti e per ricostruire la storia di Trevico. La famiglia Scola è una di quelle famiglie altolocate e nobili di Trevico. Essa, sin da tempi lontani, era alla ribalta nel paese. Facevano parte della famiglia notai, avvocati, prefetti, militari di carriera, medici, cineasti, sindaci o podestà e anche artigiani come calzolai e falegnami. Tra gli ultimi personaggi il più noto è Ettore che ha dato maggiore lustro al paese e alla nazione.

La trama della storia romanzata si inerpica attraverso le fasi salienti della vita: nascita, infanzia vissuta tra gli agi di una famiglia benestante ma sempre in mezzo a gente, semplice e rispettosa, pure se circondata da un ambiente formato di tradizioni e pregiudizi. La caratteristica dei ragazzi è quella di trascorrere il tempo nella semplicità delle cose, nell’amore per gli amici e per il paese con… cibi abbondanti e genuini, ambi spazi liberi per giocare, nonché aria fine, pura e incontaminata. La trama continua con le feste religiose, la guerra, gli amori, il lavoro.

È veramente bello vedere gente che si prodiga per il paese e altri che si attivano per riconoscerlo. Gli Scola hanno avuto a cuore le sorti del paese e come hanno potuto lo hanno sostenuto: vedi il campo sportivo, il progetto per la realizzazione della conduttura che doveva portare acqua nel centro abitato che trovasi a 1094 mt. sul l/m., l’aiuto medico o notarile ai residenti, il regalo del proiettore alla comunità, il sostegno morale alla ragazza madre, il film documentario “Da Trevico a Torino” che mette in evidenza il disagio sociale di una generazione che, per trovare lavoro, è dovuta emigrare. E per finire la donazione della stessa casa al Comune di Trevico perché divenisse centro culturale di aggregazione per i giovani e gli anziani con il preciso scopo di conservare le tradizioni paesane.

Note sulle autrici:

Giuliana Caputo con la sua fluente scrittura, elegante, genuina e determinata ci presenta luoghi e personaggi con i pochi elementi a disposizione. La sua immagine: un visino sorridente incorniciato in una capigliatura rossiccia quasi bionda, arruffata, alquanto ricciolina da cui brillano due occhietti vispi e indagatori per scorgere e capire cosa c’è dietro lo sguardo di chi la osserva. L’opera è ricca di fantasia. Poetessa e scrittrice di talento ha pubblicato 11 volumi tra poesie e romanzi. Oltre al presente, ricordiamo: Tra memoria e futuro (1994), Lettera di una professoressa (1998), Divina e diversa in tempi per versi (2005), l’azzurro oltre gli ulivi (2006). Dai suoi scritti emerge un ambiente irpino tutto da scoprire. Lei, nativa del Sannio, è figlia adottiva dell’Irpinia; vigorosa e creativa dà il meglio di sé.

Mariangela Cioria nativa di Vallesaccarda e trevicana di adozione. Appassionata di storia locale è alla ricerca continua di frammenti del vissuto per far emergere la storia del paese. A vederla non si direbbe. Sembra una persona affabile, mite e serena eppure è capace di rivoluzionare il mondo per raggiungere i suoi obiettivi. La cronaca la conosce per le sue opere. Ha già pubblicato lavori come: Trevico e i suoi figli (1999), Antichi mestieri della Baronia di Vico (2005), un mondo di sapori antichi (2009), Mestieri domani (2015), a parte i CD o DVD. Mariangela è alla ricerca continua di frammenti di notizie, ricette culinarie, racconti di arti e mestieri, foto e quant’altro, per ricostruire la storia locale. Gente del genere vanno apprezzate, amate e sostenute perché lasciano a noi e ai posteri un patrimonio inestimabile del vissuto di ieri e di oggi. Senza orgoglio del passato, senza la valorizzazione di quello che abbiamo non si possono nutrire speranze per il futuro.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com