www.giornalelirpinia.it

    23/09/2017

Il mondo magico/Al circolo della stampa la presentazione del film di Schettino

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Spettacoli4_mondo_magi.jpgAVELLINO – È in programma sabato prossimo, alle ore 11.30, al circolo della stampa di Avellino, la conferenza stampa per la presentazione del film Il mondo magico del regista di origini irpine Raffaele Schettino. All’incontro, nel corso del quale verrà proiettato il trailer del film, saranno presenti il regista Raffale Schettino, il segretario dell’Ordine dei giornalisti della Campania Gianni Colucci, il direttore di “Cinemasud” Paolo Speranza.

Il mondo magico è un’opera prima low budget girata in diverse zone dell’Irpinia (Frigento, Lioni, Calitri, Mirabella, Paternopoli, Monteverde), a Piadena, in provincia di Cremona,  a Buonacquisto in Umbria.  Il film verrà proiettato al cinema di Lioni il 20 ottobre alle ore 18,00, 20.20, 22.30, e al “Partenio” di Avellino il 21 ottobre alle ore 20.30 con la collaborazione delle associazioni di cultura cinematografica Centrodonna, Immaginazione, Quaderni di Cinemasud, Zia Lidia Social Club.

Il film – si legge in una nota – si ispira all’interessante storia di vita di un  irpino, Giacomo Ciampi, soldato italiano che dopo il rientro dalla campagna di Russia, sperimentati gli orrori della guerra, decide di disertare. L'opera prima di Schettino ha il pregio di provare a raccontare i passaggi dall’età rurale al mondo industriale attraverso il filo conduttore del tema del magico che evoca il mondo sommerso legato alle tradizioni del mondo contadino, sullo sfondo variegato di diversi contesti rurali italiani. Emerge nel racconto un ricco scenario paesaggistico legato alla nostra Irpinia, raccontata con particolare attenzione alla fotografia e attraverso una puntuale cura nelle inquadrature. Il film è una testimonianza di un importante patrimonio etno-musicale tra  passato e presente, tra Nord e Sud,  e si avvale della partecipazione canora della Banda della Posta, orchestra di Calitri scoperta e valorizzata da Vinicio Capossela.

Trama:  Anni ’40. Gianni (Raffaele Schettino), chiamato alle armi nella campagna di Russia durante la seconda guerra mondiale, diserta e trova asilo in una famiglia a Piadena, in provincia di Cremona, dove si innamora della  misteriosa Teresa (Chiara Travisonni). Nella confusione che segue l’armistizio del 1943, dopo aver promesso a  Teresa di tornare  un giorno per sposarla,  decide di rientrare a Frigento, in Irpinia, sua città di origine. Qui ritrova Tina (Alessandra Tavarone), il suo primo amore e decide di sposarla. Teresa, lo raggiunge a Frigento, scopre il tradimento e decide di vendicarsi attraverso pratiche occulte che incateneranno Gianni in una serie di sciagure. Dal matrimonio di Gianni e Tina  nasce un figlio con delle disabilità. La famiglia si trasferisce per motivi di lavoro  a Buonacquisto, in Umbria.  Gianni trova impiego come carabiniere e conosce alcuni minatori e operai dell’acciaieria ternana. Gianni sempre più inquieto ha difficoltà ad accettare un lavoro che gli  impone di garantire l’ordine in un contesto segnato dalla disperazione della gente. Sembra ritrovare serenità grazie a Mariella (Mara Calcagni), donna passionale ed emancipata. Se ne innamora e cresce  il suo bisogno di sostenere la causa operaia. Le sofferenze non sono finite, schieratosi al fianco dei lavoratori, viene richiamato in caserma e un profondo stato di stress lo condurrà all’ictus.

Il regista: Raffaele Schettino – Regista e interprete. Dopo studi classici e musicali (pianoforte, chitarra blues) si laurea in economia politica a La Sapienza di Roma. Conosce l'Odin Teatret e frequenta il post dottorato di ricerca in arte scenica presso l'Università Federale di Bahia (Brasile) e decide di dedicarsi al teatro come professione. Dal 2003 frequenta vari seminari in Italia, Danimarca e Brasile, da qui inizia la sua carriera come attore. Dal 2009 studia con Giovanna Marini alla scuola di musica di Testaccio a Roma, con cui tiene svariati concerti in Italia e all’estero. In teatro ha lavorato con maestri come Dario Fo, Franca Rame, Jean Paul Denizon (storico assistente di Peter Brook) e gli attori dell’ Odin Teatret. Scrive atti e dirige diverse opere teatrali. Fa parte della Lega di Cultura di Piadena e del Circolo Gianni Bosio.

Premi: Platinum Remi Award 49a edizione del WorldFest (Houston - Texas 2016);Merit Awards al Rome Web Awards 2016: Raffaele Schettino - Miglior regia. Gaetano Tavarone - Miglior interpretazione maschile.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Teatro Gesualdo Avellino

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com