www.giornalelirpinia.it

    15/08/2018

Imprese artigiane, diminuiscono anche in Irpinia

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Economia_movimprese.jpgAVELLINO - Unioncamere e InfoCamere hanno scattato una fotografia sull'imprenditoria artigiana ponendo in risalto che in tutt'Italia in cinque anni sono stati contati 110mila artigiani in meno. Molti mestieri tradizionali sono in netto declino mentre crescono alcune categorie di nicchia, quali giardinieri, tatuatori, sarti specializzati, panettieri, pasticcieri, ecc.

Per verificare quanto accaduto nella nostra provincia abbiamo messo a confronto i dati dell'ultimo anno (2017) con quelli del 2012. Ebbene anche in Irpinia l'artigianato ne esce fortemente ridimensionato. Vanno ad assottigliarsi le residue testimonianze di artigianato imparentato con l’arte (dalla lavorazione della pietra al ferro battuto, dall’intaglio alla fabbricazione di mobili, dal tombolo alla produzione di ceramiche artistiche, ecc.); ma si riducono soprattutto gli artigiani dei comuni mestieri.

Nella nostra provincia all’inizio di questo millennio su 100 imprese in attività in tutti i settori economici, 20 erano artigiane. Ora sono scese a 15. Cinque anni fa erano 17. In valori assoluti nell’ultimo quinquennio dalle 7.471 imprese del 2012 si è passati alle 6.838 dell'anno scorso. La flessione è stata di 633 unità; in valori percentuali dell'8,5%, un punto in più del calo segnato nell'intero Paese. Da noi le perdite più elevate, in termini percentuali, si riscontrano nel comparto edile (-15%), in quello dei trasporti (-12%) e nel manifatturiero (-11%). In espansione, invece, l'ampio settore dei servizi (+15%). Il quale conta all'incirca 1.600 imprese che rappresentano più o meno un quarto del totale. In questo comparto la parte del leone la fanno i “servizi per la persona”, soprattutto parrucchieri ed estetisti. Ma aumentano anche le officine meccaniche, i riparatori di computer e telefonini, le imprese di pulizia, i piccoli manutentori di edifici e giardini.

Un altro quarto delle imprese artigiane (1.634 unità) opera nel settore manifatturiero che, come  accennato più avanti, è in netto declino. Qui a perdere colpi sono le sartorie e i confezionisti di articoli in pelle (- 17%), i conciatori (- 22%),  le tipografie (-16%) , i falegnami (- 15%),  i sub-fornitori dell'industria meccanica (-13%), gli artigiani del comparto alimentare (- 4%) e gli opifici per la produzione di mattoni  e manufatti in cemento (-14%). Quest’ultimo ramo di attività – che è  strettamente legato all'edilizia – vive da anni la stessa devastante crisi attraversata dall'industria delle costruzioni. Basti evidenziare che le imprese del settore sono precipitate da 2.747, registrate cinque anni fa, a 2.332 dell'ultimo anno: oltre 400 in meno. Il settore edile, tuttavia, resta il più popolato nell'universo dell' artigiano provinciale, annoverando oltre il terzo del totale delle imprese.

In Irpinia, gli artigiani operano per buona parte come ditte individuali; infatti, delle 6.800 imprese esistenti, 5.600 (l’82%) sono gestite dal solo titolare e 1.200 in forma collettiva: poco più di 300 sono le società di capitale e 900 quelle di persone. Rispetto a 5 anni fa, sia le ditte individuali  che le società sono diminuite; le prime  di quasi il 9%; le seconde dell'8%. Ma tra le società la flessione ha coinvolto esclusivamente quelle di persone, calate del 16%. Le altre, le società di capitale, sono lievitate di un robusto 28%. Irrilevante il numero di società cooperative.

Dunque, le statistiche confermano che i caratteri salienti del nostro artigianato sono rappresentati da “un’imprenditorialità molecolare connotata da una scarsa capacità di fare rete e di pianificare comportamenti sia da un punto di vista strategico che operativo… ivi compreso l’associazionismo”, come è stato giustamente posto in evidenza nella ricerca condotta da Gianpaolo Basile, Paolo Diana, Maria Prosperina Vitale La definizione identitaria di un territorio rurale. Antichi mestieri e benessere psicofisico in Alta Irpinia (F.Angeli, Milano 2015), citata  nel volume  a cura di U. Santinelli Volti e gesti del lavoro – Immagini dall’Irpinia (Mephite- Atripalda 2017).

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com