L’Avellino fa fatica e sbaglia anche un rigore, il Rende resiste e fa 0-0

Domenica 06 Ottobre 2019 16:06 Red.
Stampa

b_300_220_15593462_0___images_stories_Calcio7_avrende.jpg

AVELLINO-RENDE 0-0

AVELLINO (4-3-3): Tonti; Celjak, Njie (1’ st Silvestri), Morero, Laezza; De Marco (1’ st Charpentier), Di Paolantonio, Rossetti (30’ st Karic); Micovschi, Alfageme, Parisi. A disposizione: Pizzella, Abibi, Palmisano, Zullo, Carbonelli, Evangelista. Allenatore: Ignoffo.

RENDE (4-3-3): ): Savelloni; Vitofrancesco, Germinio, Bruno, Blaze; Collocolo (36’ st Ndiye), Murati, Scimia; Giannotti, Rossini (17’ st Libertazzi), Morselli (11’ st Origlio). A disposizione: Palermo, Borsellini, Ampollini, Cipolla, Nossa, Vigolo, Soomets, Drkusic. Allenatore: Tricarico.

Arbitro: Alessandro Di Graci della sezione di Como. Guardalinee: Massimiliano Bonomo della sezione di Milano e Fabrizio Giorgi della sezione di Legnano.

Ammoniti: 43’ pt De Marco, 8’ st Laezza, 13’ st Collocolo, 21’ st Scimia, 27’ st Parisi, 36’ st Savelloni

Recuperi: 0’ pt più 3’ st.

Note: angoli 7-2. Un minuto di raccoglimento in memoria dell’ex presidente di Confindustria e patron del Sassuolo Giorgio Squinzi. Rende con il lutto al braccio per la scomparsa, questa notte, di quattro giovani in un incidente stradale.

AVELLINO – Niente da fare. L’Avellino di Ignoffo proprio non sa più vincere e non riesce a sbloccarsi neppure contro l’ultima in classifica, il Rende, che conquista in terra d’Irpinia un punto prezioso. Neppure il cambio di modulo ha messo i giocatori biancoverdi in condizione di conquistare una vittoria che sarebbe risultata utile per portare un po' di serenità in un ambiente su cui pesa, inevitabilmente, il macigno delle tre sconfitte consecutive rimediate in questa prima fase del campionato. Ma quello che ancora più preoccupa è l'assoluta mancanza di idee in campo nell'impostazione della manovra cui si accompagna anche, sul piano atletico, un rendimento che non si addice ad una squadra che ha bisogno di riscattarsi e di dare al proprio pubblico le soddisfazioni che merita. Pubblico che, a fine gara, ha manifestato il proprio dissenso ad indirizzzo della squadra che si era presentata sotto la curva e che invece ha dovuto così far ritorno a capo chino negli spogliatoi. Ora c'è un altro derby sul cammino dei lupi, quello con la Paganese in programma domenica prossima allo stadio "Torre" con inizio alle ore 17:30.

La cronacaRitmi blandi nella fase iniziale con largo spazio alla canonica fase di studio. Al 9’ si affaccia in avanti il Rende che usufruisce di un calcio di punizione dal limite, alta sulla traversa la conclusione di Vitofrancesco. Calabresi ancora pericolosi al 12’ con Scimia, para a terra Tonti. Prova l’Avellino ad impostare un minimo di manovra offensiva ma, per quello finora visto in campo, con poca convinzione e chiarezza di idee. Arriva al 18’ pt la prima conclusione dei padroni di casa con De Marco, palla fuori. Al 21’ sfiora il palo della porta di Tonti il tiro dalla distanza di Scimia. Sembrano prendere sempre più coraggio i biancorossi del Rende che appaiono intenzionati ad dare una maggiore continuità ai loro attacchi. Al 27’ pt colpo di testa a parabola di De Marco, non si lascia sorprendere il portiere Savelloni. Avellino ora più convinto e continuo in avanti, Rende comunque attento e per nulla disposto a concedere spazi. Al 43’ pt ammonito De Marco. Gara che si avvia verso la fine del tempo con poche emozioni. Si va al riposo sul risultato di 0-0.

Ripresa – Doppia sostituzione nell’Avellino dal 1’ st: Silvestri e Charpentier rilevano, rispettivamente, Nije e De Marco. Al 3’ st è proprio il neo entrato Silvestri che ha sul destro l’occasione per sbloccare il risultato ma il su tiro è alto sulla traversa. Al 5’ st rigore per l’Avellino decretato dopo un atterramento di Rossetti da parte di Murati: sul dischetto ci va Di Paolantonio il cui tiro forte ma centrale è respinto dal portiere Savelloni. All’8’ st cartellino giallo per Laezza per un fallo su di un avversario. All’ 11’ st nel Rende Origlio in campo al posto di Morelli. Match che ancora non decolla, fischi dagli spalti. Al 13’ st ammonito Collocolo. Al 17’ st Libertazzi rileva Rossini. Cartellino giallo, al 21’ st, anche per Scimia. Sfiora la base del palo il colpo di testa, al 23’ st, di Charpentier su angolo di Rossetti. Al 27’ st ammonito Parisi per un fallo su Collocolo. Al 29’ st fuori Rossetti, dentro Karic. Sfiora l’incrocio dei pali il tiro su punizione dal 32’ st di Micovschi. Spinge di più in avanti in questa fase l’Avellino alla ricerca disperata del gol del vantaggio. Nuova sostituzione, al 35’ st, nelle file del Rende: fuori Collocolo, dentro Ndiye. Cartellino, al 36’ st, per il portiere ospite Savelloni. Respinge, al 40’ st, una grande bordata del neo entrato Ndiye il portiere di casa Tonti mentre sul capovolgimento di fronte finisce sulla traversa la conclusione del numero 9 biancoverde  Charpentier. S’infiamma il finale del macth con l’Avellino che si riversa a capofitto in avanti e il Rende costretto a difendersi. Ci saranno 3 minuti di recupero. Il risultato non cambia. In aggiornamento…

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 07 Ottobre 2019 16:04 )