Coltivava piante di canapa in una baracca, denunciato pregiudicato di Paternopoli

Venerdì 19 Luglio 2019 13:22 Red.
Stampa

b_300_220_15593462_0___images_stories_Carabinieri9_pater_no_poli.jpgPATERNOPOLI – I carabinieri della compagnia di Montella, dopo il sequestro di 13 piantine di canapa indiana operato a Montella la scorsa settimana, quando avevano denunciato un 54enne che aveva realizzato una serra sul balcone della propria abitazione, hanno rinvenuto un’altra piantagione illegale. In questo caso, nella giornata di ieri, un pregiudicato di Paternopoli è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri della locale stazione sempre perché ritenuto responsabile del reato di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti.

I carabinieri, grazie ad un’approfondita conoscenza del territorio, appresa la notizia, al fine di verificarne la veridicità e di concerto riscontrare gli elementi probanti di tale reato, avviavano mirati servizi, monitorando i luoghi frequentati dal pensionato 71enne e predisponevano mirati servizi di osservazione. Proprio tali servizi davano la conferma della notizia acquisita ai carabinieri che optavano per una perquisizione domiciliare durante la quale rinvenivano e sequestravano una piccola coltivazione di canapa indiana. In una baracca adibita a serra attigua alla propria abitazione, infatti, il 71enne, al riparo dallo sguardo indiscreto dei vicini coltivava tre le piante di canapa indiana, tutte invasate ed alte quasi un metro.

Alla luce delle evidenze raccolte il pensionato è stato denunciato in stato di libertà alla competente Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore capo Rosario Cantelmo.