www.giornalelirpinia.it

    23/06/2018

Pietradefusi e il suo martire, torna il corteo storico in onore di San Faustino

E-mail Stampa PDF

Pietradefusi, la torre aragonesePIETRADEFUSI – "Pietradefusi e il suo martire. Rievocazione storica nel terzo centenario dell'arrivo delle spoglie di San Faustino" è una manifestazione che rientra all’interno del progetto “Regina Viarum”, messo in piedi dai Comuni di Lacedonia (Comune capofila), Bisaccia, Montefalcione e Pietradefusi, beneficiari del finanziamento a valere sulle risorse del Poc 2014/2020, Linea strategica 2.4 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e cultura”.

Nell'anno del tricentenario della traslazione delle reliquie di San Faustino, Pietradefusi si prepara a una due giorni per celebrare il suo santo. L'appuntamento è per sabato 9 e domenica 10 dicembre, quando il centro storico e la torre aragonese si coloreranno del caldo ambiente natalizio e verrà messa in atto una rievocazione storica: corteo storico in abiti settecenteschi con i prelati, i nobili, le congregazioni religiose, gli archibugieri, gli sbandieratori e i musici della Città regia e tutto il popolo di Pietra de Fusi. Inoltre, chiuderà la due giorni una cena settecentesca in onore del santo, per festeggiare l'arrivo delle reliquie. Tutto perché la storia di un martire si intreccia indissolubilmente con quella di un piccolo paese irpino.

"La mattina mi portai alla Pietra de Fusi per iniziare le ricognizioni, esposizioni, traslazione e riposizione del corpo di S. Faustino Martire nella chiesa di S. Gennajo della famiglia Coscia".

È questa la frase, che si legge dal “Diario delle funzioni Pontificali che vi esercitano dallo Ill.mo Sig. Cardinale Orsini Arcivescovo di Benevento tom. V”, che testimonia il legame della comunità di Pietradefusi con San Faustino. Le spoglie mortali di San Faustino, giovane martire cristiano, probabilmente vissuto tra la fine del III e l’inizio del IV secolo a.C., quindi nel pieno delle persecuzioni che trovarono nell’imperatore Diocleziano l’artefice più crudele, furono rinvenute nel 1712 nelle catacombe di Pretestato, situate a Roma lungo la via Appia, nell’attuale quartiere Appio-Latino. Per ordine di Papa Clemente XI e sotto la supervisione del cardinale Gaspare Carpegna, che esercitava le funzioni di vicario papale, il corpo fu esumato il 13 luglio del 1712 e quindi fu affidato alle cure del cardinale Gian Domenico Parracciani. Tuttavia le reliquie, che immediatamente furono fatte oggetto di profonda devozione, rimasero nelle mani dell’alto prelato soltanto per un mese, perché egli le donò, nell’agosto dello stesso anno, a mons. Agnello Rendina, vescovo di Bojano, in Molise, che le conservò fino alla sua morte, in seguito alla quale entrarono in possesso, per via ereditaria, della nipote Margherita, che abitava a Benevento, insieme al proprio marito Francesco Ascolese.

La presenza in loco dei preziosi resti umani di San Faustino non passò però inosservata al clero beneventano e soprattutto al futuro cardinale Niccolò Coscia, che all’epoca rivestiva l’importante funzione di tesoriere del Capitolo metropolitano, il quale si appellò ad un articolo del diritto canonico che inibiva ai laici il possesso di reliquie di santi. Per la qual cosa, stante anche il fatto che arcivescovo metropolita di Benevento era il cardinale Pietro Orsini, che sarebbe diventato Papa, gli fu agevole ottenerne la “donazione” da parte dei coniugi Ascolese alla presenza del notaio curiale. Contestualmente egli ottenne dall’arcivescovo che ne fosse disposto il trasferimento nel suo paese natale, a Pietradefusi. Il corpo del martire fu provvisoriamente collocato nella chiesa vicariale della Santissima Annunziata nella cui sacrestia, nei giorni sei e sette di settembre del 1717, si tenne la ricognizione canonica alla presenza dello stesso Orsini, come dimostra il testo del “Diario delle funzioni Pontificali che vi esercitano dallo Ill.mo Sig. Cardinale Orsini Arcivescovo di Benevento tom. V”, in cui è possibile leggere la frase riportata in testa: "La mattina mi portai alla Pietra de Fusi per iniziare le ricognizioni, esposizioni, traslazione e riposizione del corpo di S. Faustino Martire nella chiesa di S. Gennajo della famiglia Coscia".

Ciò è la dimostrazione più palese della grandissima importanza attribuita dal clero coevo alle reliquie del giovane martire cristiano soprattutto laddove si consideri che alla supervisione delle operazioni relative alla traslazione si era dedicato addirittura colui il quale soltanto cinque anni dopo sarebbe asceso al soglio pontificio con il nome di Benedetto XIII. E dunque, proprio nella chiesa dei Coscia, dedicata a San Gennaro, furono deposte le reliquie. All’iniziale entusiasmo di popolo per l’avvenuta traslazione seguì un lungo periodo di stasi durato oltre un secolo, forse proprio perché le reliquie erano conservate in una cappella privata, fino a quando, nel 1835, ad un anziano del luogo, tal Sabato Petrillo, che da molto tempo versava in condizioni di paralisi degli arti inferiori, apparve in sogno San Faustino, il quale gli assicurò la guarigione chiedendo, al contempo, che le sue spoglie fossero traslate nella chiesa Madre del paese.

In maniera del tutto inspiegabile costui ebbe a riacquistare l’uso delle gambe, ragion per la quale il culto del santo e delle sue reliquie improvvisamente divampò tra la popolazione che lo volle proclamare patrono sostituendolo a San Lucido.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Attualità

Giugno 22, 2018 15

Gubitosa in visita al carcere di Avellino

in Attualità by Red.
AVELLINO – Visita istituzionale, questa mattina, dell’onorevole Michele Gubitosa, il quale si è recato nella struttura penitenziaria di Avellino. “Ho avuto – afferma il parlamentare del Movimento… Continua a leggere...

Irpinia

Giugno 21, 2018 23

Dalla terra alla tavola, torna il farm festival a sostegno del consumo consapevole

in Irpinia by Red.
ARIANO IRPINO – Torna sabato prossimo, 23 giugno, ad Ariano Irpino Regio Tratturo & Friends, il farm festival sul consumo consapevole giunto alla sua nona edizione, che quest’anno avrà come tema… Continua a leggere...

Cronaca

Giugno 22, 2018 16

Quindici: bomba carta nella notte, Fiat Panda nel mirino

in Cronaca by Red.
QUINDICI – Una bomba carta è stata fatta esplodere a Quindici, nella tarda serata di ieri, su una Fiat Panda di una persona del luogo parcheggiata sulla pubblica via. La deflagrazione del rudimentale… Continua a leggere...

Sport

Giugno 15, 2018 60

Avellino, Marcolini si presenta: «Sono in una piazza storica, qui per fare bene»

in Calcio by Red.
AVELLINO – Presentato, questa mattina, presso la sala stampa “Angelo Scalpati” del Partenio-Lombardi, il nuovo staff tecnico dell’U.S. Avellino per la stagione sportiva 2018/2019. Allenatore: Michele… Continua a leggere...

Rubriche

Giugno 16, 2018 120

L’occhio sulla città/Sarà ballottaggio, agli avellinesi «l’ardua sentenza»

in La Lettera by Antonio Fusco
AVELLINO – Come prevedibile sarà ballottaggio. Per conoscere chi sarà il nuovo sindaco della città capoluogo, infatti, bisognerà attendere l’espletarsi del secondo turno elettorale che vedrà… Continua a leggere...

Notizie flash

Gdf, celebrato il 244° anniversario della fondazione

AVELLINO, 22 giugno - Il comando provinciale della Guardia di finanza di Avellino, con una sobria cerimonia a carattere esclusivamente interno, in linea con le disposizioni vigenti circa l’efficienza ed economicità dell’azione amministrativa”, ha celebrato il 244° anniversario della fondazione del corpo.


Farmacie Avellino Città

Turni dal 18 al 24 giugno 2018 - Servizio continuativo dalle 8.30 alle 20.00 Amodeo, via Tagliamento 42/44 (tel.: 0825/36917). Sabato pomeriggio, dalle 16.30 alle 20.00, domenica e festivi dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 20.00, il servizio è assicurato anche da Giliberti, Largo Ferriera, 9/11 (tel.: 0825/74890/91). Il servizio notturno, dalle 20.00 alle 09.00, è assicurato da Cardillo, via Due Principati n. 32 a San Tommaso (tel.: 0825/71825). Guardia medica, via degli Imbimbo n. 10 - Avellino Telefono: 0825/292013/14/15.

 

 

Giornale L'Irpinia n.8-9 del 19 maggio 2018

Calcio

Giugno 15, 2018 60

Avellino, Marcolini si presenta: «Sono in una piazza storica, qui per fare bene»

in Calcio by Red.
AVELLINO – Presentato, questa mattina, presso la sala stampa “Angelo… Continua a leggere...
Giugno 11, 2018 58

Il commiato/Foscarini: «Mi sono sentito subito uno di voi»

in Calcio by Red.
AVELLINO – L’U.S. Avellino intende ringraziare, nella maniera più sentita,… Continua a leggere...

Basket

Giugno 13, 2018 58

Vucinic: «Entusiasta di lavorare in una piazza come Avellino»

in Basket by Franco Marra
AVELLINO – È arrivato ad Avellino da poche ore, ma Nenad Vucinic è già… Continua a leggere...
Giugno 12, 2018 68

Avellino, è Vucinic il nuovo allenatore della Sidigas

in Basket by Red.
AVELLINO – La Sidigas Scandone Avellino comunica di aver sottoscritto… Continua a leggere...

Ciclismo

Maggio 27, 2018 73

Froome vince il Giro 101, a Roma il trionfo. A Bennet l’ultima tappa

in Ciclismo by Red.
ROMA – Chris Froome (Team Sky) ha vinto il centunesimo Giro d'Italia,… Continua a leggere...
Maggio 26, 2018 72

Nieve primo a Cervinia, Froome padrone del Giro

in Ciclismo by Red.
CERVINIA (Aosta) – Il corridore spagnolo Mikel Nieve (Mitchelton - Scott)… Continua a leggere...

Cultura

Giugno 11, 2018 67

Troppi diritti/Al circolo della stampa la presentazione del libro di Barbano

in Cultura by Red.
AVELLINO – Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà è il titolo del… Continua a leggere...
Giugno 02, 2018 84

Società, economia e religione nel Cilento, a Centola la presentazione del libro di Barra

in Cultura by Red.
CENTOLA (Salerno) – Si è appena conclusa la presentazione del libro Storia… Continua a leggere...

Meteo Avellino

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Primo piano - Video

Sezione Video

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com