Vecchione, Fi: «Ariano, Chianche, Torrioni e Tufo: siano date risposte ai cittadini»

Giovedì 06 Agosto 2020 09:42 Red.
Stampa

Anna Maria Vittoria Vecchione, Forza ItaliaARIANO IRPINO – “In questa campagna elettorale per le elezioni regionali riscontro criticità in vari settori e in più Comuni della provincia irpina. Il mio massimo impegno sarà rivolto ad ascoltare i cittadini e gli enti che esprimono preoccupazione su vari argomenti da tempo irrisolti. Partendo dalla comunità di Ariano Irpino appare evidente che le istanze dei residenti meritano risposte: condotte colabrodo, sospensione idrica fino a data da destinarsi e disagi non possono ricadere sugli utenti a causa di una gestione disastrosa negli anni da parte dell’Alto Calore.

Passando a Chianche la vicenda del biodigestore mi vede ferma sulla mia posizione: esprimo il mio secco “No”, l’area interessata verrebbe stravolta. Le scelte imposte dall’alto danneggerebbero seriamente territori a vocazione vitivinicola.

In altre due comunità irpine, poi, esiste un problema che danneggia in particolare le persone anziane, incidendo sul sacrosanto diritto alla salute non tutelato, a quanto pare, dalle istituzioni competenti: a Torrioni e Tufo, Regione ed Asl sembrano indifferenti rispetto alla necessità della nomina di un medico di base. A Torrioni bene ha fatto ad intervenire il primo cittadino Annamaria Oliviero chiedendo una risposta urgente. A Tufo, da ex assessore comunale, conosco bene la questione e mi farò portavoce delle istanze della cittadinanza ascoltando anche le indicazioni del primo cittadino Nunzio Donnarumma che da tempo si sta spendendo sulla vicenda.

Vari problemi dunque su cui discutere. Disagi da affrontare in breve termine.

Non rivolgo e non ho necessità di rivolgere attacchi agli amministratori e ai sindaci che conoscono perfettamente lo stato delle cose e di certo avranno fatto sentire la propria voce. La mia non è una politica dei proclami fini a se stessi ma vuol essere risolutiva dei problemi sul territorio. In questa campagna elettorale il mio impegno sarà rivolto a far sì che Asl e Regione, ognuna per le proprie competenze, diano risposte ai cittadini anche delle zone più interne e per troppi anni lasciate all’abbandono dagli enti regionali.