www.giornalelirpinia.it

    23/11/2017

De Magistris: «Corruzione e mafia molto forti dentro la politica e le istituzioni. Ad Avellino un nostro candidato»

E-mail Stampa PDF

Luigi de Magistris ad AvellinoAVELLINO – “Ad Avellino si vota, ad Avellino si vota l’anno prossimo e siccome noi abbiamo intenzione di costruire, insieme ad altri, un movimento politico senza confini Avellino è una città molto importante a cui Napoli è molto legata, una città graziosa, bella, in un contesto naturalistico importante, Napoli da una parte e Benevento dall’altra, quasi una continuazione della città metropolitana: quindi abbiamo assolutamente intenzione di radicarci come movimento politico e, credo, anche di essere presenti alla prossime Amministrative con un nostro candidato”.

È l’annuncio che il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, fa dinanzi a taccuini e microfoni prima di prendere parte al circolo della stampa di Corso Vittorio Emanuele, insieme con Gianni Colucci, giornalista della redazione avellinese del Mattino, alla presentazione del suo libro La città ribelle. Il caso Napoli, una sorta di summa di quanto fatto come primo cittadino del capoluogo partenopeo e oggi al centro del suo movimento demA, democraziaAutonomia.

“La ribellione – spiega convinto l’ex magistrato ed ex europarlamentare – è non rassegnarsi di fronte alle ingiustizie della vita, anche quelle apparentemente costruite sulla legalità formale. Il nostro è un Paese strano: certe volte la normalità di una vita viene considerata sovversione, la devianza diventa normalità. Ho provato nella mia vita da uomo delle istituzioni, prima da magistrato, oggi da sindaco, a far sempre coniugare legalità e giustizia. È un percorso molto complicato perché c’è una grande sete di giustizia e spesso la legalità è ingiusta. Nella nostra città stiamo dimostrando che, dando forza alla gente, ripartendo dai valori semplici ma forti come l’autonomia, il coraggio, l’onestà, la passione, la libertà, i beni comuni e la democrazia partecipativa si può migliorare anche senza soldi: è questa un po’ l’esperienza di questi sei anni e poi voglio aggiungere, e chiudo, ribellione al sistema. Io da quando sono entrato nelle istituzioni ho sempre pensato – avevo 26 anni – che il problema più grave del nostro Paese sono corruzione e mafia che sono molto forti dentro la politica e le istituzioni”.

Prima dell’inizio dei lavori de Magistris ha ricevuto in dono una maglietta biancoverde dal presidente dell’Avellino Walter Taccone.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com