www.giornalelirpinia.it

    17/08/2018

La Sidigas non regge i ritmi, Sassari domina e vince

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Basket5_scr_ubb.jpgAVELLINO – Netta sconfitta per la Sidigas Scandone che non regge il passo del Banco di Sardegna Sassari e deve arrendersi ai sardi che dominano e passano al PalaDelMauro con il punteggio di 67-80. Ora l’attenzione si sposta alla finale di ritorno di Europe Cup in programma al Taliercio di Mestre mercoledì prossimo. In aggiornamento…

La Sidigas Avellino gioca la peggiore gara della stagione perdendo in casa contro il Banco di Sardegna Sassari per 67 a 80, al termine di una partita in pratica sempre condotta dagli ospiti. Ed ora per gli irpini è a rischio anche la quarta piazza della classifica, con Trento che si è fatta minacciosa portandosi a due sole lunghezze di distacco, con lo scontro diretto del Paladelmauro che si giocherà all’ultima giornata, e che potrebbe essere decisivo per il piazzamento finale. Una sconfitta dolorosa anche per il morale, in vista della gara-2 di finale di Fiba Europe Cup in programma mercoledì sera a Venezia, partita già difficile per gli otto punti di distacco da dover recuperare.

Alla Sidigas oggi pomeriggio non è riuscito nulla, con l’intera squadra che ha giocato al di sotto dei propri standard. Quanto possano avere influito gli aspetti fisico e mentale è difficile da decifrare. Ma è certo che tutti hanno sbagliato tantissimo, subendo il gioco degli avversari, che al contrario hanno disputato un match solido in difesa, trovando buone conclusioni in attacco, sia da sotto canestro che dalla lunga distanza. Dopo l’equilibrio iniziale (11/9 al 4’), la Sidigas ha smarrito la strada del canestro per quasi 6’, subendo un parziale terrificante di 0 a 16 (11/25 al 9’), con il primo periodo chiuso sul 13 a 25. Filloy e Scrubb guidano il tentativo di rimonta di Avellino (20/25 al 13’), vanificato da 5 punti in fila di Polonara per il nuovo + 10 esterno (20/30 al 17’), che sbloccano l’attacco degli isolani, tenuto a secco per 5’30”.

La Sidigas comunque ci prova, chiude il secondo periodo sul 30 a 34, ed all’inizio di terza frazione riesce addirittura ad impattare (34 pari al 22’). Poi succede una cosa strana: D’Ercole, il migliore dei suoi, sbaglia il facile lay-up del sorpasso, e la Sidigas, come per una magia negativa si spegne e scompare dal campo per più di 10’. Sassari ringrazia, colpisce da tre punti con una certa precisione (4/7) ma, soprattutto, non trova grande opposizione dalla difesa irpina, e prima chiude sul 46 a 63 la terza frazione, e poi arriva addirittura al + 23 (46/69 al 33’). La Sidigas ha una reazione di orgoglio, e nell’ultimo periodo riesce solo a rendere meno consistente la sconfitta. Una sconfitta che deve far riflettere sulla necessità di rinforzare la squadra in vista dei play-off, una squadra oggi apparsa scarica sia dal punto di vista fisico che mentale. Magari senza perdere altro tempo.

Così Sacripanti al termine del match: “Non abbiamo giustificazioni per la partita di stasera, brutta dal punto di vista mentale, della tenacia  e della dedizione. Abbiamo sbagliato tutti, me compreso, l’approccio alla gara e abbiamo commesso l’errore di volerci risparmiare in difesa. Colpa mia non essere riuscito a trasmettere ai miei l’importanza di una gara così importante e avremmo dovuto avere un approccio iniziale molto più solido. Siamo stati troppo morbidi, leggeri e superficiali e il nervosismo poi ha preso il sopravvento. Chiediamo scusa al pubblico, i fischi sono meritati perché una squadra che arriva a questo punto del campionato non può approcciare una gara in questo modo. Spero ci serva da lezione e che ci dia la carica per restare uniti nei momenti di difficoltà. Adesso penseremo alla finale di Coppa e poi riparleremo del campionato”.

Il tabellino del match:

SIDIGAS AVELLINO - BANCO DI SARDEGNA SASSARI 67 - 80

Sidigas: Zerini, Wells 12, Fitipaldo 2, Sabatino n.e. Lawal 4, Leunen 3, Scrubb 8, Filloy 11, D'Ercole 5, Rich 17, Fesenko 5, Parlato n.e. All. Sacripanti.

Banco di Sardegna: Spissu 3, Bostic 10, Bamforth 16, Planicic 4, Devecchi 1, Bucarelli 2, Pierre 2, Jones 15, Stipcevic 11, Hatcher, Polonara 16, Tavernari. All. Markovski.

Arbitri: Filippini, Weidmann e Di Francesco.

Note: parziali 13/25 - 30/34 - 46/63. Spettatori 3.000 per un incasso di euro 35.000. Tiri liberi: Sidigas 7/10, Banco di Sardegna 14/21. Tiri da due punti: Sidigas 21/42, Banco di Sardegna 21/34. Tiri da tre punti: Sidigas 6/18, Banco di Sardegna 8/21. Rimbalzi: Sidigas 31, Banco di Sardegna 31.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com