www.giornalelirpinia.it

    17/08/2018

La Sidigas lotta, resiste e alla fine doma Bologna

E-mail Stampa PDF

Jason Rich (fonte Scandone bsket)BOLOGNA – Gara molto combattuta quella tra Virtus Segafredo Bologna e Sidigas Avellino che in un finale intenso riesce ad aggiudicarsi il match al PalaDozza con il risultato  di  64-70. La squadra di Sacripanti è attesa ora dall’ultimo impegno di campionato, quello di mercoledì prossimo contro Trento prima della disputa dei  play off. In aggiornamento…

Penultima giornata di campionato da risultati clamorosi nella quale la Sidigas Avellino espugna il PalaDozza battendo la Segafredo Bologna per 64 a 70, difendendo così il quarto posto dall’assalto di Trento, vittoriosa in casa contro Sassari (87/81). La possibilità di raggiungere il terzo posto viene vanificata dalla vittoria al supplementare di Brescia su Torino (98/95), mentre la quatta piazza dovrà essere difesa nell’ultima giornata, in programma mercoledì prossimo, nel match contro Trento.

Per farlo la Sidigas avrà due possibilità: vincere o perdere difendendo però la differenza canestri, il +11 ottenuto nel match di andata. I risultati a sorpresa arrivano dalle ultime della classe, con Pesaro che bissa il successo di domenica scorsa a Milano battendo anche Venezia (77/74), e con Capo d’Orlando che ha la meglio su Cantù (71/70). Discorso retrocessione rimandato all’ultima giornata, così come il primo posto si giocherà nello scontro diretto del Taliercio fra Venezia e Milano. Ancora da assegnare anche gli ultimi posti per i play-off, con un’ultima giornata che si annuncia quindi molto avvincente.

Dopo la doppia sconfitta di coppa con Venezia e quella casalinga contro Sassari, la Sidigas ritorna al successo battendo la Virtus Bologna al termine di un match condotto con grande determinazione fin dalle prime battute, con Rich (17 punti e 4 rimbalzi) e Fesenko (15 punti, 15 rimbalzi e 34 di valutazione) ancora grandi protagonisti. Ma oggi anche gli altri giocatori hanno risposto presente, come Filloy (11 punti e + 12 di plus/minus) e Scrubb (7 punti e 3/5 al tiro), così come decisiva è risultata la lotta a rimbalzo, vinta nettamente dalla Sidigas (42 a 31). Nel primo periodo la Scandone concede solo 15 punti ai bolognesi, realizzandone 18, tutti segnati da Rich (11) e Fesenko (5), con Lawal che partecipa con 2 punti. In un paio di minuti Lawson realizza 7 punti – saranno tanti anche al 40’ – che portano la Segafredo alla parità a quota 20 all’11’, poi c’è l’allungo della Sidigas con il break di 0 a 9, iniziato con 5 punti di Scrubb e chiuso da Fesenko (20/29 al 15’), che nel finale di periodo realizza altri 4 punti (24/33 al 18’), con Aradori che realizza i canestri del 28 a 33 del 20’. Alla ripersa del gioco lo stesso Aradori e Slaughter approfittano di un calo di tensione della Sidigas per piazzare il  break del sorpasso portandosi anche sul + 3 (38/35 al 25’). Poi c’è il parziale di 0 a 9 di Avellino, con Filloy che finalmente si sblocca da tre punti, e poi inventa un canestro impossibile per il 39 a 46, con Ndoja che sulla sirena del 30’ realizza il 41 a 46. La Virtus impatta ancora a quota 46, ma Fitipaldo e Rich colpiscono dalla lunga distanza (46/52 al 33’), mentre al 35’ siamo sul 50 a 55 dopo la tripla di Leunen. Bologna trova ancora punti da Aradori e da Stefano Gentile per la parità che dura fino al 39’, quando c’è l’ultimo sorpasso con la tripla di Wilson (62/61). Ma la Sidigas ha nervi saldi e reagisce ancora con la tripla di Filloy, con un canestro di Fesenko, che sbaglia l’aggiuntivo, mentre l’italo-argentino realizza un solo libero, per il 62 a 67. Wilson segna altri due punti, ma sbaglia il tiro supplementare, mentre sul capovolgimento di fronte Rich subisce fallo, realizza il primo tiro libero, mentre il secondo viene toccato da un difensore e si infila, con i due punti assegnati come da regolamento a capitan Leunen per il 64 a 70 finale.

Così coach Sacripanti al termine del match: “Siamo soddisfatti per i due punti, perché lottiamo per il quarto posto e per avere quindi il fattore campo nei quarti di finale dei playoff: per il momento il discorso è ancora aperto e dovrà essere rimandato all’ultima giornata. Quello che più mi rende contento è l’essere riusciti a disputare due ottime gare, contro Venezia mercoledì e contro Bologna stasera, dopo la prestazione non tanto buona contro Sassari di domenica scorsa: quello di stasera era un ottimo test e venire a vincere qui contro una formazione talentuosa e fisica come la Virtus è sintomo di solidità. Abbiamo controllato quasi sempre il ritmo del match e ci siamo aggrappati alla difesa più che all’attacco, tranne all’inizio del terzo quarto, quando abbiamo concesso qualche contropiede di troppo alla Virtus. Per il resto abbiamo ruotato tutti e distribuito i minutaggi al meglio possibile, ma soprattutto abbiamo avuto voglia di vincere, cosa che ci era mancata nella scorsa giornata di campionato”.

Questo il tabellino del match:

SEGAFREDO BOLOGNA – SIDIGAS AVELLINO 64 - 70

Segafredo: Gentile A., Pajola, Baldi Rossi 2, Ndoja 4, Lafayette 5, Aradori  22, Gentile S. 6, Lawson 7, Slaughter 11, Wilson 7. All. Ramagli.

Sidigas: Zerini 4, Wells 4, Fitipaldo 3, Bianco n.e. Lawal 4, Leunen 5, Scrubb 7, Filloy 11, D'Ercole, Rich 17 , Fesenko 15 , Parlato n.e. All. Sacripanti.

Arbitri: Paternicò, Paglialunga e Belfiore.

Note: parziali 15/18 – 28/33 – 41/46. Usciti per 5 falli: Slaughter. Tiri liberi: Segafredo 7/13, Sidigas 8/12. Tiri da due punti: Segafredo 18/39, Sidigas 19/33. Tiri da tre punti: Segafredo 7/25, Sidigas 8/26. Rimbalzi: Segafredo 31, Sidigas 42.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com