www.giornalelirpinia.it

    15/11/2019

Tesser: «A Vercelli serve una prova di carattere e fare punti»

E-mail Stampa PDF

TesserAVELLINO – “Si riparte semplicemente dalla voglia di far bene e dalla consapevolezza che c’è un momento particolarmente difficile, che le chiacchiere stanno a zero e che quello che conta è lavorare e fare risultato. Questa è l’unica partenza che ci deve essere. Partenza che viene un pochino anche handicappata e dal poco tempo che sono qua - è un giorno o poco più che sono arrivato - e da parecchie situazioni purtroppo non buone che ho trovato, visto che ci sono parecchi giocatori che non ci saranno nella partita di domani”.

Appare deciso e ben motivato Attilio Tesser, il tecnico veneto fresco di rientro sulla panchina dell’Avellino dopo la parentesi Marcolin, alla vigilia della gara contro la Pro Vercelli in programma domani, alle 15.00, allo stadio Silvio Piola. “Domani – spiega nel corso della conferenza stampa di questa mattina – serve una prova di carattere. È l’unica cosa che io posso chiedere ai ragazzi, tirare fuori tutto quello che in questo momento si può dare. Nessuna scusante di nessun tipo. Poi c’è la consapevolezza di una tensione elevata, di un momento non positivo e che dobbiamo avere quella voglia di invertire il trend. Tutto questo bisogna vederlo nella voglia, nella grinta, negli occhi dei ragazzi”.

Richiesto di spiegare con quale stato d’animo ha ripreso la guida dell’Avellino dichiara: “Son tornato con le stesse motivazioni che ho lasciato, di uno che voleva far bene, che magari non aveva centrato il massimo ma che sicuramente si era impegnato. E questo continuerò a farlo con più grinta, con più determinazione se prima per caso non era stato dato il massimo. Ho motivazioni. Ho detto che ad Avellino sono stato bene, ho avuto un attaccamento vero, e cercherò di trasmettere questa mia voglia di fare bene ai ragazzi”.

Il discorso si sposta sulla squadra: “Ho trovato una situazione in infermeria piuttosto complicata, lo confermerà l’elenco delle convocazioni, tra infortuni e squalifiche siamo un po’ contati: Arini, Tavano, Jidayi non ci saranno, Rea è squalificato. Mokulu ha iniziato oggi l’allenamento, dopo cinque minuti è rientrato nello spogliatoio, parte con noi, speriamo con le cure di poterlo portare almeno in panchina, sia chiaro che non è nelle migliori condizioni”.

Ancora: “La squadra prima stava bene, lo dico tranquillamente, stava bene con una condizione fisica soddisfacente, buona. Io ho un pensiero diverso da quello che dice chi mi ha sostituito, ed ho un modo di comportarmi diverso. Io so quello che ho trovato adesso e quello che ho lasciato. Lascio a voi tutto il resto. Io non ho mai fatto la guerra a nessuno. Ho una correttezza ed una moralità nei comportamenti trasparente. Non ho mai avuto sentore di qualcuno contrario nei miei confronti o di situazioni particolari. Io non vivo di chiacchiere e tenetemi fuori da questa situazione”.

Un giudizio sull’avversario di domani: “Troviamo una squadra molto forte fisicamente, giochiamo sul sintetico, quindi su un campo un po’ particolare, fanno cross, c’è una parte loro fisica preponderante. Vengono da otto risultati utili consecutivi. È una squadra che lotta, che corre, comunque da temere. In questo momento il mio unico desiderio è fare più punti possibile a partire da domani a Vercelli”.

Fatta eccezione per Rea (squalificato), Arini, Tavano, Jidayi e Migliorini (infortunati) sono 20 i calciatori convocati per la trasferta in Piemonte: portieri, Frattali, Offredi, Bianco;  difensori, Biraschi, Chiosa, Nica, Pisano, Pucino, Visconti; centrocampisti, Bastien, D’Angelo, D’Attilio, Gavazzi, Paghera, Sbaffo; attaccanti, Castaldo, Insigne, Joao Silva, Mokulu, Ventola. In prima squadra per la prima volta con la maglia numero 18 anche l’attaccante della Primavera Enrico Ventola, classe ’97

Arbitro dell’incontro sarà Antonio Rapuano di Rimini, lo stesso della gara di andata. Queste le probabili formazioni:

Pro Vercelli (4-4-2): Pigliacelli; Germano, Coly, Legati, Mammarella; Mustacchio, Ardizzone, Scavone, Sprocati; Marchi, Beretta. Allenatore: Foscarini.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Pisano, Biraschi, Chiosa, Visconti; D'Angelo, Paghera, Bastien; Insigne; Castaldo, Joao Silva. Allenatore: Tesser.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com