www.giornalelirpinia.it

    12/12/2018

L’Avellino va subito sotto e si arrende, il Palermo vince e fa festa

E-mail Stampa PDF

Palermo-Avellino (foto, fonte Us Avellino)Marcatori: 9’ pt Coronado (rigore), 2’ st La Gumina, 28’ st Trajkovski (rigore)

PALERMO-AVELLINO 3-0

PALERMO (3-5-1-1): Pomini; Struna, Bellusci (1’ st Accardi), Rajkovic; Rispoli, Chochev (40' st Rolando), Murawski (24’ st Fiordilino), Coronado, Aleesami; Trajkovski; La Gumina. A disposizione: Maniero, Posavec, Moreo, Paula Da Silva, Fiore, Santoro, Ingegneri. Allenatore: Tedino.

AVELLINO (4-3-3): Lezzerini; Laverone (16’ st Asencio), Ngawa, Morero, Marchizza; Gavazzi, Di Tacchio, De Risio; Molina, Ardemagni (43' st Wilmots), Vajushi (30’ st Cabezas). A disposizione: Radu, Casadei, Moretti, Kresic, Migliorini, Morosini. Allenatore: Foscarini.

Arbitro: Antonio Giua di Olbia. Guardalinee, Giovanni Colella di Crotone e Luigi Lanotte di Barletta. Quarto uomo, Federico Dionisi dell’Aquila.

Ammoniti: 8’ pt Morero, 7’ st Molina, 26’ st Coronado, 32’ De Risio.

Recuperi: 3’ più 5’.

PALERMO  – L'Avellino di Foscarini esce nettamente sconfitto dal match contro il Palermo e si complica non poco la vita in questo finale di campionato, con la classsifica che si va facendo sempre più pericolosa a ridosso ormai della zona play out. In sostanza, non c'è mai stata partita conntro il Palermo che ha avuto vita facile dall'inizio e che non ha avuto difficoltà a gestire la gara e a rimpinguare a proprio piacimento il risultato vista anche l'inconsistenza della reazione da parte della squadra irpina. Sempre più in salita si fa ora il cammino dell'Avellino che, sabato prossimo, dovrà affrontare una nuova trasferta a Carpi. Foscarini, al di là dei problemi causati dagli infortuni che affliggono molti dei suoi uomini, dovrà ora correre ai ripari lavorando soprattutto sul piano mentale e cercando di trasmettere al gruppo quella fiducia e quella convinzione che sembrano ora del tutto assenti.

La cronaca – Palermo che parte subito in avanti con incursioni affidate alla velocità di Coronado e La Gumina. Avellino che prova ad organizzarsi e a non concedere spazi alla manovra avversaria. All’8’ calcio di rigore a favore dei padroni di casa per una trattenuta di Morero su Rispoli che cade in piena area. Sul dischetto ci va Coronado che fa fuori Lezzerini con un tiro centrale molto teso. Subito in salita la partita per la squadra di Foscarini. Al 14’ pt tiro di Gavazzi di prima intenzione dal limite, palla deviata in area da Rajkovic forse con il braccio, l’arbitro fa cenno di proseguire. Provano gli irpini a reagire ma la loro manovra stenta a decollare già in fase di impostazione. Alla mezz’ora del primo tempo il bilancio è molto magro: un solo tiro, finora, dei biancoverdi verso la porta siciliana. Troppo isolato Ardemagni che finora ha giocato pochissimi palloni. Al 33’ pt rischia Ngawa con un intervento in area su Trajkovski, Guia fa cenno di proseguire. Al 37’ pt Avellino vicino al pareggio con Ardemagni che supera con un colpo di testa Pomini uscito a vuoto, libera sulla linea, sempre di testa, all’ultimo momento Struna. Nuova occasione, due minuti dopo, per Di Tacchio con una duplice conclusione, palla sul fondo. Bravo nella circostanza Vajushi nell'impostare l'azione offesniva. Ci prova ancora con una rovesciata, al 42’ pt, Ardemagni senza però riuscire a colpire la sfera. Tre i minuti di recupero. Finisce il tempo con i rosanero in vantaggio.

Ripresa – Nel Palermo Accardi in campo al posto di Bellusci ad inizio della ripresa. Nessun cambio nelle file dell’Avellino. Arriva al 2’ st il raddoppio del Palermo con La Gumina che, servito da Trajkovski, supera Ngawa e fa secco con un rasoterra Lezzerini. Al 6’ st incursione sulla sinistra di Molina che mette al centro per Ardemagni anticipato all’ultimo momento. Un minuto dopo cartellino giallo per Molina che impedisce la ripartenza di La Gumina. C’è un timido tentativo di reazione da parte dell’Avellino ma è sempre il Palermo a tenere in mano le redini del gioco senza troppi sforzi. Al 16’ st  Molina mette in area una palla su cui però è in ritardo Ardemagni.  Al 18’ st Avellino vicino al gol del 2-1 proprio con Ardemagni il cui colpo di testa, su cross di Molina, viene controllato male da Pomini, Rajkovic poi libera su Asencio. Si ripete il giovane attaccante spagnolo al 22’ st ma la sua conclusione di testa è parata da Pomini.  Al 24’ st Fiordellino in campo al posto di Murawski infortunatosi in uno scontro. Ammonito al 26’ st Coronado che, in quanto diffidato, salterà la gara con il Venezia. Al 27’ st secondo rigore a favore del Palermo per un fallo ancora di Morero questa volta su La Gumina. Perfetta la trasformazione dal dischetto di Trajkovski: Palermo 3-Avellino 0. Al 30’ st Cabezas in campo al posto di Vajushi. Avellino sempre più rassegnato. Al 32’ st c’è l’ammonizione per De Risio per un brutto fallo su Chochev. Gara ormai segnata. Al 40' st nel Palermo Rolando rileva Chochev. Un minuto dopo c'è una conclusione di Cabezas di sinistro, palla deviata da Pomini. Al 43' st ultima sostituzione nelle file irpine: fuori Ardemagni, dentro Wilmots. Cinque i minuti di recupero. Non succede praticamente niente. Situazione sempre più difficile per l'Avellino che sprofonda in zona pericolosa, ad un punto dalla zona play out.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com