Utilizzo stadio Partenio-Lombardi, la nota dell’Us Avellino

Martedì 04 Settembre 2018 10:47 Red.
Stampa

b_300_220_15593462_0___images_stories_Calcio5_stad_partenio.jpgAVELLINO – La questione utilizzo stadio Partenio-Lombardi al centro della riunione della giunta comunale convocata per questo pomeriggio alle 16.00. Per intanto, la Ssd Calcio Avellino comunica che l’allenamento previsto per oggi allo stadio Partenio-Lombardi di Avellino alle ore 16 si svolgerà presso la struttura Country Sport sita in frazione Picarelli.

Questo invece il comunicato dell’Us Avellino 1912: “In merito a notizie apparse su diverse testate giornalistiche, l’U.S. Avellino 1912 s.r.l. intende precisare che nella giornata di ieri, al termine di una riunione tenutasi presso lo stadio Partenio-Lombardi tra tecnici e rappresentanti delle due società calcistiche, è stata data disponibilità massima ed immediata da parte dell’U.S. Avellino 1912 s.r.l. all’utilizzo, a favore del Calcio Avellino Ssd, di tutti i locali, pronti a essere occupati e, in particolare, di tutte le attrezzature presenti - compreso quanto di esclusiva proprietà di questa società, su tutti: il manto erboso in sintetico, le panchine - già disponibili, per il periodo indicato nell’accordo economico tra le parti, e in maniera assolutamente gratuita.

Si evidenzia, inoltre, che le utenze sono correttamente allacciate e le forniture sono erogate regolarmente, pertanto non esistono motivi che possano ostacolare o addirittura impedire l’accordo tra le parti e soprattutto la regolare attività della squadra del Calcio Avellino Ssd".

Aggiornamento del 4 settembre 2018, ore 18.17 - Stadio Partenio-Lombardi, via libera dalla giunta comunale che ha appena deliberato prima dell'inizio dei lavori del Consiglio. Da domani la struttura è a disposizione della società Calcio Avellino Ssd. Sarà, comunque, corsa contro il tempo per cercare di poterla utilizzare, nel rispetto della normativa, per la gara di Coppa Italia contro il Nola in programma domenica prossima con inizio alle ore 15.00. C'è, infatti, il rischio che si debba giocare a porte chiuse.