www.giornalelirpinia.it

    26/08/2019

L’Avellino batte il Castiadas e torna alla vittoria

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Calcio7_avcastiad.jpgMarcatori: 15’ st De Vena

AVELLINO-CASTIADAS 1-0

AVELLINO (4-3-1-2): Lagomarsini; Patrignani, Morero, Mikhaylovskiy, Parisi (44’ st Carbonelli); Acampora (10’ st Buono), Matute, Gerbaudo (31’ st Mithra); Tribuzzi (35’ st Ciotola); Tompte (12’ st Mentana), De Vena. A disposizione: Bruno, Nocerino, Dondoni, Pisano. Allenatore: Graziani.

CASTIADAS (3-5-2): Idrissi, Pinna A., Pinna L., Boi; Tiraferri (22′ st Coreddu), Serra (22′ st Manca D.), Carboni, Carrus, Manca N.; Ortiz (41′ st Steri), Mesina. A disposizione: Monni, Ciotti, Sau, Pinna M., Melis, Moi. Allenatore: Paba.

Arbitro: Jacopo Bertini della sezione di Lucca. Guardalinee: Domenico Castro della sezione di Livorno e Amedeo Carpano della sezione di Siena.

Ammoniti: 16’ pt Mesina, 37’ pt Matute, 13’ st Morero

Recuperi: 1’ più 5’.

Note: Angoli 7-1

AVELLINO  – L'Avellino torna alla vittoria dinanzi al proprio pubblico battendo per 1-0 i sardi del Castiadas al termine di una gara combattuta e contrassegnata da eccessivi tatticismi soprattutto nel primo tempo. La squadra di Graziani, dopo i due pareggi consecutivi con Sassari e Monterosi, ha avuto oggi un rendimento più concreto che il solito De Vena, al suo sesto gol stagionale, ha saputo capitalizzare nel momento cruciale della partita. Addirittura i biancoverdi si sono permessi il lusso di fallire, in piena zona recupero, un rigore con Ciotola la cui esecuzione dal dischetto entrerà sicuramente nel guinness dei primati della...moviola per la lentezza e, come dire, la sobrietà con cui è stato calciato. L'Avellino sarà ora impegnato in trasferta, mercoledì prossimo, ad Aprilia nel turno infrasettimnale valevole per la dodicesima giornata di campionato per poi ritornare a giocare in casa domenica prossima contro la Vis Artena.

La cronaca – Avellino subito in avanti per cercare di colpire a freddo gli avversari che, però, appaiono concentrati e intenzionati a non concedere spazi. Gara sostanzialmente equilibrata con poche emozioni, finora, in fase di conclusione su entrambi i fronti. Al 12’ sono i sardi a spingersi in avanti con Mesina il cui tiro viene però contrastato da Tribuzzi. Un minuto dopo prima azione pericolosa in contropiede dei padroni di casa con Patrignani che, servito a puntino da Parisi, non riesce a capitalizzare a dovere la ghiotta occasione mandando la sfera a raggiungere gli spalti della Curva Sud. Arriva al 16’ pt la prima ammonizione della partita: se la becca Mesina per un fallo su Matute. Aumenta la pressione dei biancoverdi che cercano ora di concretizzare la loro manovra come al 20’ pt quando una palla messa in area dalla destra da Acampora attraversa tutta l’area senza che né De Vena né Grerbaudo riescano a deviarla in rete. Incessante il sostegno dei tifosi di casa che con cori e sventolio di bandiere incitano i loro beniamini in campo. Al 26’ pt nuova conclusione di Patrignani dalla distanza, palla sul fondo. Al 28’ pt è Tompte a colpire di testa su cross di De Vena, a lato la sua conclusione. Provano gli ospiti ad affrancarsi dalla asfissiante pressione dei padroni di casa e ad affacciarsi in area avversaria affidandosi alle ripartenze sulla fascia di Tiraferri. Al 37’ pt cartellino giallo per Matute autore di un fallo a centrocampo su Carboni. Al 43’ pt ci prova Parisi raccogliendo una palla fuori area dopo una mischia in area, para Idrissi. Un minuto di recupero. Finisce 0-0 il primo tempo.

Ripresa – In campo con le stesse formazioni. La prima azione offensiva è del Castiadas con Manca che mette una palla al centro, respinge la difesa di casa. Risponde l’Avellino con Patrignani che s’invola sulla fascia, ma il suo tentativo non ha successo. Squadre guardinghe e attente in questo avvio di ripresa, con il gioco che ristagna prevalentemente a centrocampo. Al 9’ st punizione dalla distanza di Carrus, para a terra Lagomarsini. Al 10’ st Buono rileva Acampora nelle file dell’Avellino. Provano gli ospiti a dare maggiore continuità alla loro manovra offensiva esponendosi però al contropiede dei padroni di casa. Nuova sostituzione al 12’ st nell’Avellino con Mentana in campo al posto di Tompte. Un minuto dopo viene ammonito il capitano biancoverde Morero per un fallo su Ortiz. Al 15’ st Avellino in vantaggio con un gol di De Vena che, servito da Gerbaudo, fa secco Idrissi. Doppia sostituzione, al 22’ st, nel Castiadas: Correddu e Daniel Manca in campo al posto di Tiraferri e Serra. Al 27’ st Ortiz esce, al suo posto viene schierato Nicola Manca. Al 31’ st Mithra rileva Gerbaudo. Inizia al 35’ st la partita di Ciotola in campo al posto di Tribuzzi. Non ci sta a perdere il Castiadas che tenta ora il forcing finale per cercare di conquistare il pareggio esponendosi però al contropiede dell’Avellino. Al 41’ st fuori Ortiz, dentro Steri. Carbonelli al posto di Parisi al 44’ st. Cinque i minuti di recupero. Allo scadere Ciotola si fa parare il rigore concesso dall’arbitro Bertini per un fallo su De Vena. Finisce 1-0 per l’Avellino. In aggiornamento…

Aggiornamento del 10 novembre 2018, ore 17:45 - Le dichiarazioni post gara del tecnico dell’Avellino, Graziani - "Nel primo tempo abbiamo costruito buone trame, il lavoro settimanale ci sta premiando ed ora dobbiamo portare questo sui 90', ci vuole un pochino di tempo. Dopo 11 giornate la squadra si è resa conto di com'è difficile giocare quando c'è l'obbligo di fare risultato sempre e comunque. Non a caso dopo aver fatto goal ci siamo rilassati ed è stato il momento più difficile, perché pur di portare i 3 punti a casa ci siamo concentrati sull'interrompere il gioco altrui senza provare a ricostruire".

Un pensiero ai nuovi arrivati ai nuovi arrivati Filippo Capitanio e Alessandro di Paolantonio: "Siamo contentissimi che si siano uniti a noi, ci danno soluzioni ed alternative. Attenzione però, ci vuole calma: il nostro modo di lavorare prevede che ora siano sotto le cure del nostro responsabile medico e del nostro preparatore atletico. Prima valutiamo le loro condizioni e poi li inseriremo nel nostro gruppo, che è il vero artefice dei punti raccolti fino ad ora. Ai neo arrivati il compito di calarsi moralmente e tecnicamente in questa squadra".

Le dichiarazioni Fabiano Parisi, che ieri ha compiuto 18 anni: "Per me è un'emozione indescrivibile, non posso spiegare quello che si prova a vestire questa maglia, specialmente per un irpino purosangue come me. Il mio ruolo? Nasco come esterno offensivo, ma faccio tutto quello che chiede il mister per il bene di questa squadra".

Luigi Mentana: "Sogno il goal  non vedo l'ora di poter andare sotto la curva a festeggiare. Per ora non posso che ringraziare il mister per l'opportunità e De Vena e Sforzini per i consigli, sto crescendo molto in una piazza che merita ben altri palcoscenici".

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com