www.giornalelirpinia.it

    15/12/2017

L'occhio sulla città/Piazza Libertà, finalmente ci siamo!

E-mail Stampa PDF

Piazza LibertàAVELLINO – Finalmente ci siamo! A breve, infatti, sarà restituito nella sua interezza agli avellinesi uno dei luoghi simbolo della città: un’agorà che torna ad accogliere e a rappresentare quello spazio ideale di aggregazione e socializzazione cui il tempo aveva opacizzato il tratto identitario.

Ci è bastato osservare, passeggiare ed ascoltare per cogliere su di esso i giudizi più eterogenei: c'è chi trova la piazza troppo ampia, troppo “bianca”, con troppo sole d’estate, e chi una “landa desolata”  con pochi alberi (a tal proposito riteniamo utile rimarcare che  siamo  di fronte non  ad una nuova villa comunale ma appunto di fronte ad una rinnovata piazza).

A costoro poi si aggiunge  chi, come nel caso di chi scrive, ne condivide l'intero impianto e, ritenendo che spesso “la verità sta nel mezzo” (fermo restando le inalterate perplessità riguardo il famigerato cubo che ne deturpa la visione d'insieme togliendole profondità), considera il progetto di questa piazza un buon compromesso e, dunque, ad oggi, probabilmente tra i migliori possibili per la città. Giudizio che auspichiamo maggiormente condiviso quando, sembra la prossima settimana, anche le fontane torneranno ad assolvere alla loro refrigerante funzione.

Ora, però, se da una parte ringraziamo l'amministrazione comunale per aver quasi definitivamente  restituito alla fruizione pubblica questo spazio, dall'altra sappiamo bene che tale intento non potrà sostanziarsi pienamente senza il concorso collaborativo dell'intera cittadinanza: occorre,  pertanto,  che si ritrovi maggior senso civico nel rispetto di ciò che dovremmo innanzitutto e prima di tutto tornare a sentire nostro.

I padroni di Fido, ad esempio, provvedano a portare fuori il proprio cane solo se muniti di sacchetto e paletta  evitando magari anche di lasciargli marcare  il territorio nei pressi delle sedute presenti in piazza dove, comunque, andrebbe sollecitata una maggiore pulizia ricorrendo eventualmente anche all’uso di idranti e/o, dove possibile, utilizzando disinfettanti che avrebbero anche lo scopo di deterrenti.

Intanto, nonostante tutto, l'occasione non può sfuggire per segnalare alcune piccole cose che ancora  saltano all'occhio: la scarsa presenza in piazza di cestini getta rifiuti che, abbinata ad un altrettanto alquanto approssimativa pulizia e manutenzione, agevola il proliferare di strani pois neri sul manto bianco della piazza: potremmo immaginare utili anche cartelli che ne invitino al rispetto. Potranno rappresentare una sconfitta per chiunque voglia definirsi  “civile”, certo, ma anche motivo di riflessione per coloro che invece  “ non lo sono”

Per quanto concerne poi gli scivoli per disabili, visto l'ampio tratto del lato Est dalla piazza, continua a sembrarci insufficiente la presenza di un unico scivolo di fronte al palazzo vescovile, come pure continuiamo a segnalarne l'assenza verso la prosecuzione di via Nappi. In attesa che Piazza Libertà torni finalmente ad essere fulcro della vita cittadina, sentiamo di augurare buon lavoro.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com