www.giornalelirpinia.it

    17/06/2019

L’occhio sulla città/Metropolitana leggera, il tempo delle proroghe è ormai finito

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Rubriche-LaLettera_metro_leg.jpgAVELLINO – Non che nutrissimo particolari ansie per la sua realizzazione ma la metropolitana leggera, viste le perplessità che permangono sulla reale efficacia per la città ed i recenti sviluppi nel merito, rischia seriamente di “fermarsi a pochi metri dalla partenza”.

Un’eventualità questa più che concreta nonostante l’infrastruttura sia ormai completa al 97 per cento: il ministero dei Trasporti, infatti, potrebbe nel breve periodo decretare lo stop al finanziamento del progetto e richiedere la contestuale restituzione dell’importo già speso da parte di Palazzo di Città, circa 22 milioni di euro su un ammontare complessivo di 24. Un vero e proprio possibile colpo di grazia per le già sofferenti casse comunali che potrebbe aprire anche a conseguenze nefaste per il futuro dell’ente.

È utile sottolineare come, negli scorsi mesi, i comparti comunali interessati  abbiano provveduto a stilare  un dettagliato elenco di priorità d’intervento ai fini di un corretto avanzamento dei lavori: isolamento di alcuni sostegni  della linea, la risoluzione delle interferenze individuate su alcuni tratti con l’impianto di pubblica illuminazione e l’installazione di adeguate pensiline, nonché una meticolosa revisione dei mezzi targati  omologati ormai dal 2006, reperire spazi per un’officina e il rimessaggio, nominare un “direttore d’esercizio”, reperire ed individuare competenze tra gli autisti e soprattutto affidarsi ad un’oculata gestione del servizio.

Per far  questo, però, non si dovrebbe prescindere da una sinergia con l’Air che a sua volta appare reticente. Sono state molte le amministrazioni che hanno cercato di sbloccare l’impasse con la Regione Campania, riferimento per l’azienda trasporti irpini, l’ultima in ordine di tempo l’amministrazione Ciampi, ma ad oggi ancora nessuna soluzione è stata trovata né è all’orizzonte per permettere il completamento dei lavori e scongiurare così il rischio di definanziamento dell’opera. Intanto, l’ultimatum nel merito del ministero dei Trasporti scade nel prossimo mese di aprile e si è già fatto sapere che “il tempo delle proroghe è ormai finito”.

Ora, alla luce di quanto sta emergendo e della palese difficoltà che si sta incontrando, si ritiene ancora davvero questa la scelta giusta per decongestionare il trasporto pubblico in città? Non sarebbe stato  meglio pensare ad una soluzione che destinasse questi stessi fondi verso l’acquisto  di autobus elettrici o comunque a basso impatto ambientale?

Pur apprezzando la volontà delle diverse amministrazioni nel voler continuare ad investire per rinnovare il parco mezzi, riteniamo opportuno tornare a rimarcare che, stante il largo arco temporale tra l’emanazione della prima delibera di giunta (ci pare di ricordare più di diciassette anni fa) e l’effettiva realizzazione ed attuazione del progetto  ”Metro leggera”, che ad oggi ancora non c’è, potremmo purtroppo correre il concreto rischio di dotarci di una tecnologia ormai nei fatti obsoleta.  Chissà se va...! Staremo a vedere.

Come si ricorderà,  il progetto “Metro leggera” è stato oggetto di più di un nostro sguardo. Nonostante questo, la nostra rubrica, che per vocazione racconta osservando, sente di voler ancora una volta invitare i responsabili ad una attenta valutazione sulla reale convenienza di un tale progetto per la nostra città.  Nel rilevare quanto sia bello farsi guidare dalla fantasia ma  ricordando di avere come guida sempre la ragione, attendiamo con la fiducia e l’ottimismo che ci contraddistingue e auguriamo buon lavoro.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com