www.giornalelirpinia.it

    16/02/2019

I resti della Sidigas provano a resistere, Cantù chiude il match e vince

E-mail Stampa PDF

Young (fonte Scandone basket)DESIO – I resti della Sidigas Avellino si battono fino alla fine al PalaBancoDesio dal quale escono sconfitti per 83 a 73 dall’Acqua San Bernardo Cantù. Ma ai giocatori biancoverdi non si poteva davvero chiedere di più perché i sette atleti che ha avuto a disposizione coach Vucinic non avrebbero davvero potuto fare di più. La Sidigas, come in molti sapranno, ha giocato senza quattro stranieri infortunati, Nichols, Green, N’Diaye e Costello. E nel massimo campionato non si possono certamente regalare quattro giocatori agli avversari. Siamo certi che a ranghi completi, o quasi completi, la partita avrebbe avuto altro esito. Ma la situazione attuale ha indirizzato l’esito del match verso i brianzoli, che hanno dovuto certamente sudare più del previsto per aver ragione di una Sidigas che messo in campo voglia e cuore, che non ha mollato mai fino al termine del match. Anzi nei minuti finali la difesa aggressiva degli avellinesi ha consentito anche il recupero di parte dello svantaggio, che ha raggiunto anche le 16 lunghezze, l’ultima volta al 36’ (75/59).

In effetti Cantù ha acquisito il proprio vantaggio all’inizio del match, quando si è portata sul 15 a 4 al 6’. Da allora la Sidigas è stata sempre costretta a rincorrere, più volte ha ridotto lo svantaggio a 4 punti, per poi chiudere sul 19 a 13 il primo periodo, e sul 37 a 29 il secondo. In avvio di terza frazione, i brianzoli sono riusciti subito ad allungare (44/31 al 23’), ma Avellino non ha mai mollato, ancora una volta è riuscita a recuperare fino al -5, per poi subire il parziale di 5 a o del 61 a 51 al 30’. Cantù ha dato l’impressione di poter chiudere il match con il 9 a 3 di parziale, che ha portato le squadre sul 70 a 54 del 35’, distacco replicato anche in un altro paio di occasioni. Ma la Sidigas ha difeso su tutti i palloni, riuscendo a portarsi al -8 (79/71) al 1’ dal termine, fallendo poi alcune conclusioni da tre punti che avrebbero potuto ridurre ancor di più il distacco.

La squadra non farà ritorno ad Avellino, in quanto partirà per la Turchia dove martedì pomeriggio a Badirma affrontare il Banvit per il match valido per la Fiba Champions League (diretta su Eurosport Player alle 18). Per questa trasferta non ci saranno variazioni nel roster, ma si spera che l’inizio della settimana porti allo sblocco del mercato con il pagamento dei lodi e l’ingaggio di rinforzi, senza i quali si rischiano solo brutte figure e di gettare alle ortiche lavoro e risultati ottenuti finora da un gruppo del quale non si può che parlare bene.

Così coach Vucinic al termine della partita: “Complimenti alla squadra di coach Pashutin, che ha giocato un'ottima partita e che ha trovato in Tassone e Gaines giocatori importanti per la vittoria di stasera. Noi dobbiamo imparare ad essere un po' più scaltri in alcune situazioni: ad esempio dobbiamo contenere i falli nei momenti cruciali del match. Ancora una volta, però, devo dare merito ai miei ragazzi per lo splendido impegno manifestato questa sera: sono contento dell'atteggiamento mostrato in campo”.

Il tabellino del match:

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ - SIDIGAS AVELLINO 83/73

Acqua San Bernardo: Gaines 21, Mitchell 8, Blakes 16, Udanoh 6, Baparapè n.e. Parrillo n.e. Davis 8, Tassone 9, La Torre , Pappalardo n.e. Quaglia n.e. Jefferson 15. All. Pashutin.

Sidigas: Idrissou n.e. Young 12, Guariglia n.e. Filloy 17, Campani 12, Sabatino n.e. Campogrande 3, D'Ercole 4, Sykes 19, Spizzichini 6. All. Vucinic.

Arbitri: Paternicò, Borgioni e Bongiorni.

Note: parziali 19/13 – 37/29 – 61/51. Usciti per 5 falli: Blakes. Tiri liberi: Acqua San Bernardo 5/7, Sidigas 16/19. Tiri da due punti: Acqua San Bernardo 24/42, Sidigas 24/47. Tiri da tre punti: Acqua San Bernardo 10/18, Sidigas 3/24. Rimbalzi: Acqua San Bernardo 38, Sidigas 33.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com