www.giornalelirpinia.it

    23/07/2019

La Sidigas doma Brescia e torna alla vittoria

E-mail Stampa PDF

Patric Young (fonte Scandone basket)AVELLINO – La Sidigas Avellino doma la Leonessa d’Italia Brescia e torna alla vittoria al termine di una gara molto combattuta e intensa sul piano agonistico. La squadra di Vucinic si è imposta con il risultato finale di 79-67 e si accinge ora ad affrontare con uno spirito più rinfrancato l’impegno delle Final Eight. In aggionamento…

Esattamente undici anni fa la Scandone conquistava la coppa Italia battendo in finale Bologna. Oggi la vittoria vale solo due punti, ma consente alla Sidigas di interrompere la serie negativa che durava da sette partite fra campionato e coppa. È toccato alla Germani Brescia lasciare da sconfitta il Paladelmauro, battuta per 79 a 67 al termine di un match dai due volti, che ha visto la prima parte condotta dagli ospiti, e la seconda tutta a favore degli irpini. Peccato che anche oggi la Sidigas abbia pagato un tributo alla sfortuna, con gli infortuni di Campani, quattro punti realizzati e sei di sutura alla fronte, di Young che ha subito una botta al piede e D’Ercole che sarà valutato per un colpo al dito ed al polso. Dopo un inizio in equilibrio, c’è l’accelerazione della Germani, che chiude il primo periodo in vantaggio sul 18 a 26 e, dopo il ritorno degli irpini in apertura di seconda frazione (22/26 al 12’), arriva al massimo vantaggio sul 22 a 34 del 14’.

La Sidigas sembra smarrita e si potrebbe profilare l’ennesima sconfitta, ed invece Campani ed Harper prima, e Sykes poi, riportano sotto Avellino (35/37 al 18’). L’agonismo nel frattempo è salito ai massimi livelli ed il 19’ è forse il minuto decisivo del match, perché gli arbitri chiamano ben tre falli tecnici, uno a testa per Cunningham, Moss e N’Diaye, e due antisportivi a Vitali e Sykes. Le storie tese mettono in gioco anche il pubblico, che fa sentire la sua voce ai giocatori, che chiudono la seconda frazione con un solo punto da recuperare (40/41). Il sorpasso della Sidigas arriva alla ripresa delle ostilità, ma al 25’ c’è sempre un punto da recuperare (46/47). Ci pensano prima Sykes e poi Filloy, che danno l’avvio al parziale di 15 a 2 (61/49 al 30’), al quale si iscrivono anche Silins e Campogrande con una tripla a testa dopo quella arrivata dalle mani dell’italo-argentino, e che in pratica decide il match. Cunningham, rimasto in panchina a lungo a pensare ai suoi quattro falli, ritorna in campo e si fa sentire soprattutto in attacco, aiutato da Sacchetti, con Brescia che ritorna in partita (65/61 al 34’ e 69/65 al 36’). Ma la spinta dei lombardi si esaurisce perché ora la Sidigas non consente più nulla agli avversari difendendo molto forte, ed in attacco risalgono in cattedra Sykes e soprattutto Green, autore di sette punti nel parziale di 10 a 2 che fissa il punteggio finale sul 79 a 67. La vittoria deve subito andare in archivio, perché si deve subito iniziare a preparare la coppa Italia, con l’esordio previsto per venerdì 15 febbraio alle 20 e 45 contro l’Happy Casa Brindisi.

Soddisfatto per il risultato, un po’ di meno per gli infortuni, coach Vucinic ha commentato così il ritorno al successo dei suoi: “Sono molto contento della vittoria, principalmente per i giocatori e per le difficoltà che abbiamo affrontato fino ad ora. Come coach, non mi sono mai trovato in una situazione tale di sfortuna e purtroppo tutto questo sembra non volersi arrestare. In ogni caso, complimenti ai giocatori e anche ai tifosi, che hanno saputo pazientemente attendere questa vittoria. Ricostruire la squadra è un obiettivo difficile nel bel mezzo della stagione ma devo dire che i ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro per riuscirci. La fiducia non era ovviamente al massimo dopo tutte quelle sconfitte e si è visto nel primo quarto, ma poi il cuore e la voglia hanno prevalso. è un peccato non esserci qualificati ai playoff di Champions League. Ma ormai questo è il passato, ed ora cerchiamo di concentrarci sulle ultime due competizioni che ci sono rimaste, iniziando dalle Final Eight: non posso dire che siamo pronti, anche perché affronteremo la squadra attualmente più in palla. Brindisi è una buona squadra ed in forma, ma questo non ci spaventa. Oggi abbiamo giocato per la prima volta in 12 e spero che non sia l'ultima: attendiamo gli esiti della visita di Patric Young, che accusa dolore al piede e non fa presagire nulla di buono; Lollo D'Ercole si sottoporrà ad una radiografia al dito e speriamo che non sia rotto; Luca Campani ha un taglio profondo alla fronte e ha avuto bisogno di sei punti di sutura. Sia D'Ercole che Campani sono stati fondamentali per la rimonta del secondo quarto ed è un peccato che siano dovuti uscire così presto dal match. Luca Campogrande ? Dopo il brutto infortunio in preseason, che non gli ha consentito un'adeguata preparazione e di trovare la giusta fiducia, sta trovando la sua dimensione, e non ho dubbi che in futuro possa diventare un giocatore di Serie A”.

Così coach Diana al termine del match: “Faccio i complimenti ad Avellino per la vittoria. Noi abbiamo avuto un buon approccio alla gara, stando attenti a non concedere i punti di forza ai nostri avversari. Nel secondo quarto, però, abbiamo forzato in attacco in troppe occasioni, innescando il loro contropiede. Il finale del secondo quarto è stato il momento che ha deciso l’andamento della gara: avremmo dovuto avere più equilibrio in attacco e poi abbiamo perso per falli Cunningham, ovvero il nostro giocatore con maggiore potenziale. Nel terzo periodo abbiamo sbagliato tanto, anche se abbiamo avuto una buona reazione nell’ultimo periodo. Abbiamo avuto la bomba per tornare a -1, poi da lì è nato il parziale di 5-0 che ha chiuso la gara. E ancora una volta abbiamo avuto delle reazioni con gli arbitri che non vanno bene. Moss? È da elogiare, perché era influenzato: si è reso disponibile, ha fatto una buona gara. Durante la sosta ci sarà da lavorare, soprattutto nella prima settimana in cui avremo il roster al completo, prima che partano i nazionali. Al ritorno in campo, speriamo di riprendere la corsa con un ritmo maggiore rispetto a quello che abbiamo avuto dopo la prima sosta della Nazionale”.

Questo il tabellino del match:

SIDIGAS AVELLINO - GERMANI BRESCIA 79 - 67

Sidigas: Young 6, Green 23, Filloy 7, Campani 4, Sabatino  n.e. Silins 9, Campogrande 3, Harper 6, D'Ercole, Sykes 19, Spizzichini n.e. N'Diaye 2. All. Vucinic.

Germani: Hamilton 15, Abass 6, Mensah n.e. Vitali, Laquintana, Cunningham 18, Caroli n.e. Beverly 6, Zerini 6, Moss 8, Sacchetti 8. All. Diana.

Arbitri: Martolini, Vicino e Paglialunga.

Note: parziali 18/26 - 40/41 - 61/49. Spettatori 2.800 per un incasso di euro 37.000. Usciti per 5 falli: Cunningham. Tiri liberi: Sidigas 11/13, Germani 22/30. Tiri da due punti: Sidigas 22/46, Germani 15/43. Tiri da tre punti: Sidigas 8/26, Germani 5/21. Rimbalzi: Sidigas 50, Germani 40.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com