www.giornalelirpinia.it

    07/07/2020

La Sidigas ha vita facile e batte Reggio

E-mail Stampa PDF

Keifer Sykes (fonte Scandone basket)AVELLINO – Non c’è storia tra Sidigas Avellino e Grissin Bon Reggio Emilia con la squadra irpina che conquista la seconda vittoria consecutiva, dopo quella con Varese, dinanzi al proprio pubblico con il risultato finale di 91-59. Gli uomini di coach Vucinic hanno sempre controllato la gara e non hanno mai avuto problemi a condurre in porto il risultato. In aggiornamento…

Non c’è scampo per una molle Grissin Bon Reggio Emilia, battuta nettamente per 91 a 59 dalla Sidigas Scandone Avellino. La differenza finale conferma quella della classifica, che vede gli irpini agganciare Cremona al secondo posto, ed i reggiani restare ancorati al fondo insieme a Pistoia.

Risultato in pratica mai in discussione, con la Sidigas avanti per tutta la partita, ad eccezione del 14 a 15 dell’8’. Ordinata e concentrata in difesa, precisa e produttiva in attacco, dove Sykes ha ripreso a segnare con continuità con i suoi 29 punti, ai quali ha aggiunto anche 8 falli subiti e 6 assist, che ha prodotto un ottimo 35 di valutazione. Young, Nichols e Filloy sono ancora fermi ai box, come il reggiano Richard, ma la Sidigas riesce a superare queste difficoltà, imponendo il proprio gioco e la maggiore caratura tecnica. Inconsistente il gioco della Grissin Bon, troppo legata a soluzioni individuali, come si lamenterà al termine del match coach Pillastrini: “Abbiamo sbagliato molte cose, ma non posso accettare di aver giocato in modo assolutamente individualistico, senza riporre fiducia alcuna nel gioco di squadra. Noi dovremmo offrire prestazioni differenti, soprattutto in considerazione della nostra posizione di classifica. Nei prossimi giorni cercheremo di correggere questi aspetti”.

La Sidigas, invece, può sorridere, perché ha giocato una partita intensa, di squadra, non risentendo dei cambi effettuati da coach Vucinic, perché tutti hanno offerto una buona prestazione, fornendo il proprio contributo al facile successo. E l’allenatore serbo non può che essere contento della prestazione dei suoi giocatori: “Abbiamo avuto un buon approccio e abbiamo meritato di vincerla. Reggio Emilia sta attraversando tante difficoltà, soprattutto a livello di infortuni, proprio come noi, e sta facendo fatica a trovare continuità. Siamo consapevoli del calendario fitto che ci attende da ora in avanti: tutte le squadre a questo punto della stagione lottano per qualcosa, chi per il miglior posizionamento ai playoff, chi per non retrocedere, quindi è difficile dire di aver trovato continuità dopo il secondo successo consecutivo”. Dopo un paio di palloni sprecati, la Sidigas preme il piede sull’acceleratore, con Harper e Green subito protagonisti del primo allungo (11/4 al 4’), rintuzzato dagli ospiti con l’unico vantaggio del match (14/15 all’8’). Il finale di primo periodo vede ancora Harper protagonista, con Sykes che si iscrive al festival delle triple (5/8 dopo 10’), fissando il punteggio sul 24 a 17. In un paio di occasioni gli ospiti riescono a portarsi a tre sole lunghezze, prima sul 24 a 21, e poi ancora sul 34 a 31 al 17’. Ma negli ultimi 3’ della seconda frazione è solo la Sidigas ad andare a canestro, piazzando un parziale di 9 a 0 che vale il 43  a 31 all’intervallo lungo. Come era successo anche la settimana scorsa, il terzo periodo della Sidigas è decisamente il migliore. L’allungo degli avellinesi è deciso e perentorio, con Sykes ancora una volta protagonista in attacco, supportato da Green e da Silins, che contribuiscono al 72 a 46 del 30’. Il distacco sale al + 28 del 34’ (78/50), con Harper costretto a lasciare il campo dopo una botta al ginocchio, subita cadendo dopo un contatto con l’avversario, peraltro nemmeno sanzionato con un fallo.

“Demonte Harper ha subito una botta al ginocchio, la prima volta nel primo tempo e la seconda nel secondo – dirà poi Vucinic in conferenza stampa -, mentre Hamady N’Diaye già prima del match ha accusato qualche fastidio alla schiena: speriamo che per entrambi non sia niente di serio”. La Grissin Bon ha un ultimo sussulto portandosi sul 78 a 55 del 35’, ma poi subisce ancora un parziale di 13 a 4 per il 91 a 59 finale. Il tutto grazie alle triple di Sykes e quella del giovane Sabatino, al quale viene concesso anche di commentare il match in sala stampa: “Abbiamo iniziato bene dal primo quarto, mettendo da subito grande energia. Sono contento che il coach mi stia dando fiducia e cerco sempre di ripagarlo nel migliore dei modi, facendomi trovare pronto in qualsiasi momento. Ringrazio i miei compagni di squadra, che mi aiutano molto negli allenamenti e mi danno sempre tanti consigli che mi permettono di migliorarmi”. Coach Pillastrini fa i complimenti alla Sidigas: Complimenti ad Avellino per la partita solida, intensa ed intelligente che ha giocato, mettendo in campo un grande atletismo. Noi abbiamo giocato male, una partita che non si spiega con le assenze. Contro Varese e Milano avevamo lottato, mentre oggi, invece, in pratica non siamo scesi in campo. Ma sono certo che non ripeteremo più una prestazione del genere”.

Il tabellino del match:

SIDIGAS AVELLINO - GRISSIN BON REGGIO EMILIA 91 - 59

Sidigas: Udanoh 9, Green 17, Guariglia n.e. Campani n.e. Sabatino 3, Silins 12, Campogrande, Harper 13, D'Ercole, Sykes 29, Spizzichini 4, N'Diaye 4. All. Vucinic.

Grissin Bon: Mussini 9, Allen 8, Dixon 18, Candi 2, Aguilar n.e. Gaspardo 13, Vigori n.e. Cervi 5, Ortner 2, Llompart 2, De Vico, Dellosto n.e. All. Pillastrini.

Arbitri: Biggi, Bartoli e Boninsegna.

Note: parziali 24/17 - 43/31 - 72/46. Spettatori 3.000 per un incasso di euro 37.000. Tiri liberi: Sidigas 12/14, Grissin Bon 8/11. Tiri da due punti: Sidigas 23/39, Grissin Bon 21/50. Tiri da tre punti: Sidigas 11/27, Grissin Bon 3/21. Rimbalzi: Sidigas 44, Grissin Bon 36.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com