www.giornalelirpinia.it

    18/10/2019

Festa dell’Arma, presentato il bilancio di un anno di attività

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Cronaca_hashsish.jpgAVELLINO – Nell’ambito della lotta alle attività legate alla criminalità organizzata, i carabinieri del Comando provinciale hanno raggiunto risultati di primissimo piano. L’attività di contrasto alla criminalità comune anche quest’anno ha permesso il raggiungimento di significativi risultati. Di seguito vengono indicati quelli più rilevanti:

in data 17 giugno 2011, in Mugnano del Cardinale, San Paolo Besito e Afragola (NA), nell’ambito di un’attività indagini finalizzata a contrastare il fenomeno dell’usura e delle estorsione ai danni di imprenditori operanti nel settore dell’edilizia, militari del nucleo investigativo, dopo aver acquisito gravi elementi di colpevolezza, in esecuzione di provvedimento emesso dall’autorità giudiziaria, sottoponevano a fermo di polizia giudiziaria 5 pregiudicati esponenti dei clan “Cava” operante in questa provincia, clan “Moccia” di Afragola e “Russo” di Nola (NA), ritenuti responsabili, di usura ed estorsione aggravata dalla connotazione mafiosa, per aver commesso il fatto avvalendosi della forza di intimidazione dovuta all’appartenenza a sodalizi criminosi. I fermati concedevano prestiti usurari ad imprenditori e commercianti in disperate condizioni economiche, con tassi di interesse pari anche al 20% su base mensile e pretendevano il pagamento in anticipo anche mediante minacce di morte;

in data 6 dicembre 2011, in San Martino Valle Caudina, i militari del Nucleo investigativo, unitamente a quelli della locale stazione carabinieri, davano applicazione ad una misura di prevenzione patrimoniale emessa dal Tribunale di Avellino proposta nei confronti di un 50enne del luogo, esponente di spicco del locale sodalizio camorristico denominato “clan Pagnozzi”, operando il sequestro di beni mobili e immobili del valore stimato di 500 mila euro;

in data 16 dicembre 2011, nell’ambito delle indagini tese a identificare gli autori di fatti di sangue compiuti a seguito della nota faida che negli anni ha contrapposto il clan “Cava” al clan “Graziano” operanti nel Vallo di Lauro, militari del Nucleo investigativo, acquisiti gli elementi di colpevolezza, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, traevano in arresto un 48enne ed un 49enne di Quindici, entrambi elementi di spicco del clan “Graziano” perché ritenuti responsabili di un omicidio e tentato omicidio compiuti nell’anno 1991, ai di due esponenti del contrapposto clan “Cava”, con conseguente ferimento di altre due persone;

in data 10 aprile 2012, in Atripalda, Mercogliano e Quindici, personale del nucleo investigativo, in esecuzione provvedimento di misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Tribunale di Avellino, traeva in arresto tre pluripregiudicati, tutti appartenenti all’associazione camorristica denominata clan “Cava” operante in Avellino e Vallo di Lauro, perché imputati dei reati di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, traffico di stupefacenti ed altro, erano stati condannati del medesimo Tribunale nel mese di luglio 2011, a pene variabili dagli otto ai dieci anni di reclusione;

in data 21 aprile 2012, in Avellino, nell’ambito indagini finalizzate al contrasto del fenomeno estorsivo in questa provincia, militari del Nucleo investigativo acquisivano elementi di colpevolezza nei confronti di un 52enne imprenditore di Castellammare di Stabia, vincitore di appalto pubblico in questa provincia, per aver costretto i propri dipendenti ad accettare trattamenti retributivi deteriori e non corrispondenti alle prestazioni effettuate, inferiori a quelle dovute e dichiarate nelle buste paga, mediante minaccia esplicita o implicita di licenziamento;

in data 2 maggio 2012, in Quindici, a conclusione di indagini tese a contrastare il fenomeno delle estorsioni ai danni di imprenditori operanti nel settore dell’edilizia, militari del nucleo investigativo acquisivano gravi indizi di reità a carico di un 33enne di quindici, incensurato, appartenente al clan “Graziano” operante in questa provincia, perché ritenuto responsabile di aver preteso, senza però riuscirci a causa di sopraggiunta indisponibilità economica dell’imprenditore, il pagamento di una somma di denaro da devolvere “ai familiari di parenti in carcere”;

Di seguito sono stati riepilogate le principali operazioni svolte dal personale del Comando provinciale di Avellino in quest’ultimo anno.

Rapine

In data 11 giugno 2011 in Chiusano di San Domenico (AV), militari della locale stazione carabinieri traevano in arresto due individui che poco prima si erano resi responsabili di rapina in danno di un distributore di carburante ubicato in San Mango sul Calore (AV);

in data 17 giugno 2011 i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano in flagranza di reato per tentata rapina in concorso un 40enne e un 43enne, entrambi rumeni che avevano tentato di rapinare l’autovettura ad una donna ferma al semaforo a Monteforte Irpino;

in data 29 giugno 2011 i carabinieri della Stazione di Avella traevano in arresto in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere, un 27enne e un 30enne, entrambi di Sant’Antimo (NA), per concorso in rapina aggravata, sequestro di persona e porto e detenzione abusiva di armi, perché autori della rapina avvenuta il 7 gennaio 2011 in un negozio di Avella;

in data 30 settembre 2011 i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto un 27enne e un 32enne di Nola (NA), entrambi pregiudicati, per aver rapinato il distributore “Q8” di Avella;

in data 31 luglio 2011 i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto in esecuzione di quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, per rapina e lesioni personali dolose in concorso un 29enne e due 22enni di Avella e un 28enne albanese, perché il 20 novembre 2010, aggredirono con calci e pugni, rapinandoli del portafoglio e di tutti gli oggetti di valore, tre cittadini polacchi residenti ad Avella;

in data 11 agosto 2011 i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano, in Sirignano, un 27enne pregiudicato di Avellino per rapina e estorsione perché con calci e pugni e minacce di morte costringeva la madre a consegnargli dei soldi e al suo diniego le rapinava il suo telefono cellulare;

in data 13 settembre 2011 i Carabinieri della Stazione di Montoro inferiore, arrestavano un 25enne di Fisciano (SA) per rapina per aver aggredito una donna con calci e pugni rapinandola della sua autovettura;

in data 17 novembre 2011 i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Baiano, unitamente a quelli della stazione di Monteforte Irpino, traevano in arresto in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere un 20enne di Giugliano in Campania (NA) per rapina effettuata il 27 novembre 2009 presso la filiale del Banco di Napoli di Monteforte Irpino;

in data 4 dicembre 2011 in Mercogliano (AV), personale del Nucleo operativo e radiomobile di Avellino e della locale stazione carabinieri traeva in arresto in flagranza di reato due individui, uno di Caserta e l’altro di Villaricca (NA), pluripregiudicati, per rapina in concorso, porto abusivo d’arma ed evasione, autori di una rapina ai danni di un albergatore del posto;

in data 19 gennaio 2012, in Lanciano (CH), i carabinieri della stazione di Grottaminarda, in collaborazione con i militari della Compagnia di Lanciano (CH) arrestavano, in esecuzione di specifica ordinanza, per concorso in rapina aggravata, un 31enne incensurato di Barletta proprio mentre, con altri due soggetti pregiudicati, si recava in altra provincia probabilmente per fare dei sopralluoghi a banche da rapinare. Il giovane era ricercato poiché ritenuto responsabile delle rapine, fruttate oltre 13 mila euro, alla filiale della Banca Apulia di Grottaminarda del 21 novembre e del 28 dicembre del 2011;

in data 23 gennaio 2011, in Napoli, personale del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Montella, a conclusione di articolata attività info-investigativa riguardante la rapina perpetrata in una gioielleria di Torella dei Lombardi, traeva in arresto un pluripregiudicato napoletano, affiliato al clan Di Lauro, poiché colpito da ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi. Il complice, anch’egli colpito dal medesimo provvedimento, sentendosi braccato dalle reiterate attività di ricerche condotte attivamente dal personale operante, in data 30 gennaio 2012 si costituiva presso la casa di reclusione di Ariano Irpino;

in data 16 marzo 2012, in Avellino, a termine di attività d’indagine, personale del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia, traeva in arresto un giovane incensurato di Mercogliano, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari, perché ritenuto responsabile di rapina impropria, lesioni personali aggravate, simulazione di reato aggravata e furto continuato in danno di un benzinaio; per i medesimi reati, commessi il 31 gennaio 2012, veniva deferito in stato di libertà altro giovane del luogo, pure incensurato;

in data 7 maggio 2012 i carabinieri della stazione di Avella e quelli del Nucleo operativo della Compagnia di Baiano traevano in arresto in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare per rapina un 23enne pregiudicato di Mugnano del Cardinale in quanto resosi responsabile in due episodi diversi di uno scippo e di una rapina ai danni di due donne; entrambi gli episodi erano avvenuti a bordo della Circumvesuviana.

Estorsioni

In data 9 giugno 2011, i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Baiano traevano in arresto in esecuzione di sei ordinanze di custodia cautelare per estorsione, turbativa d’asta, porto e detenzione di arma da fuoco e di ordigni esplosivi un 52enne e un 36enne di Montoro inferiore, due 29enni di Montoro Superiore, un 65enne e un 33enne di Avellino, perché alcuni in qualità di mandanti altri quali esecutori materiali, con violenze e minacce, anche con armi e attentati incendiari mediante lancio di “molotov”, agivano per costringere alcuni commercianti di Montoro Inferiore a ritirarsi dalle gare d’asta in corso presso l’associazione notarile di Avellino per l’aggiudicazione di beni immobili, per i quali anche i mandanti avevano interessi ad acquistarli;

in data 18 ottobre 2011, i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Baiano traevano in arresto in esecuzione di sei ordinanze di custodia cautelare in carcere per usura, estorsione e porto abusivo di armi, un 49enne, un 52enne, un 58enne, un 44enne tutti del mandamento baianese, un 57enne di Napoli e un 63enne di Visciano (NA), perché approfittando dello stato di bisogno di molti imprenditori, commercianti e famiglie in disperate condizioni economiche, concedevano prestiti usurai applicando tassi di interesse pari anche al duecento percento su base annua, minacciando con armi quelli che si attardavano nei pagamenti;

in data 3 dicembre 2011 i carabinieri della stazione di Monteforte Irpino arrestavano in flagranza di reato una 40enne di Mercogliano perché sorpresa a ritirare una busta che doveva contenere 60mila euro, estorti alla proprietaria di una agenzia immobiliare costretta a versare tale somma a seguito delle continue minacce di morte ricevute;

in data 15 gennaio 2012 in Fontanarosa, militari della locale Stazione traevano in arresto in flagranza 4 persone del luogo per i reati di tentata estorsione, danneggiamento e lesioni personali ai danni del proprietario di un locale notturno del posto;

in data 31 gennaio 2012, i carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Baiano traevano in arresto in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare per turbativa d’asta, una 36enne e una 40enne di Montoro Inferiore;

in data 17 marzo 2012 i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per estorsione, un 38enne pregiudicato del luogo responsabile di aver costretto con pugni e schiaffi un 36enne a consegnargli la pensione d’invalidità;

in data 19 marzo 2012, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano per estorsione un 26enne di Quadrelle perché con calci e pugni costringeva la madre a consegnargli dei soldi;

in data 4 maggio 2012 in Bellizzi (SA), personale del Comando stazione carabinieri di Calabritto congiuntamente a quello del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Montella traeva in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, un individuo del luogo ritenuto responsabile del reato di tentata estorsione in concorso a seguito di furto c.d. “cavallo di ritorno”.

Furti

In data 12 luglio 2011, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano un 27enne pregiudicato perché sorpreso in flagranza a rubare all’interno di una abitazione di Mugnano del Cardinale;

in data 27 luglio 2011, in Avellino, militari del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia traevano in arresto, in flagranza di reato, 5 persone di cui una di origini Slovacca, perché responsabili di furto in abitazione in concorso;

in data 14 settembre 2011, i carabinieri della stazione di Monteverde e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi rintracciavano e traevano in arresto tre rumeni che, a seguito di furto di 15 quintali di cavi di rame, forzavano un posto di controllo e si davano alla fuga. Il materiale veniva sottoposto a sequestro;

in data 27 settembre 2011, i carabinieri della stazione di Montoro Superiore traevano in arresto un 42enne del luogo per furto con destrezza perché, approfittando della momentanea distrazione della vittima, si impossessava di una banconota da 100 euro, sfilandola dal portafoglio che si trovava nella tasca della giacca lasciata incustodita;

in data 28 settembre 2011, in Luogosano, militari della stazione carabinieri di Sant’Angelo all’Esca traevano arresto in flagranza di 2 pregiudicati provenienti dal Napoletano per tentato furto di cavi in rame all’interno di uno stabilimento;

in data 1° ottobre 2011, in Ariano Irpino, i carabinieri della Nucleo radiomobile della locale Compagnia traevano in arresto in flagranza di reato per concorso in rapina, tre pregiudicati del luogo, responsabili del furto di un televisore LCD all’interno di un bar;

in data 3 ottobre 2011, in Grottaminarda, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto, in esecuzione di specifica ordinanza per furto aggravato continuato, un 21enne incensurato del posto che in data 14 settembre 2011 aveva asportato la borsa personale e l’autovettura della proprietaria di un noto bar del luogo;

in data 21 ottobre 2011, in Ariano Irpino, i carabinieri del Nucleo radiomobile della locale Compagnia traevano in arresto in flagranza di reato per concorso in furto aggravato, tre pregiudicati del posto per avere asportato dalla cassa di un esercizio commerciale, dopo aver distratto la commessa, l’incasso di 210,00 euro;

in data 25 ottobre 2011, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano un 27enne e un 20enne di Sirignano, un 22enne di Marigliano (NA) e un 26enne di San Vitaliano (NA) perché sorpresi in flagranza a rubare all’interno di una abitazione in Sperone;

in data 2 novembre 2011, in Calitri i carabinieri della locale stazione unitamente a quelli di Sant’Andrea di Conza, traevano in arresto in flagranza di reato 2 rumeni intenti ad asportare circa 650 Kg di cavi di rame all’interno di un stabilimento industriale;

in data 8 novembre 2011, in Calitri i carabinieri della locale stazione, unitamente a quelli di Sant’Andrea di Conza (AV), nel corso di un servizio mirato, traevano in arresto in flagranza di reato un cittadino rumeno nell’atto di asportare, all’interno di un stabilimento industriale, circa 400 Kg di cavi di rame;

in data 17 novembre 2011, in San Mango sul Calore, i militari della stazione di Paternopoli, congiuntamente al personale di questo Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Montella traevano in arresto due rumeni, resisi responsabili dei reati di lesioni personali, violenza privata nonché furto aggravato in danno di una 87enne del luogo;

in data 21 novembre 2011, in Aquilonia i carabinieri della locale stazione, coadiuvati dalla stazione carabinieri di Lacedonia, nel corso di un controllo sulla circolazione stradale traevano in arresto una persona e ne denunciavano un’altra in stato di libertà poiché all’interno dell’autovettura rinvenivano circa 250 metri di cavi di rame, asportato poco prima nel comune di Monteverde nonché varie attrezzature per il taglio di materiale metallico;

in data 8 dicembre 2011 in Grottaminarda, i carabinieri della locale stazione, in occasione dell’annuale fiera dell’Immacolata, traevano in arresto in flagranza reato due donne di Eboli, con precedenti, poiché sorprese mentre con destrezza, approfittando della calca creata dalla presenza di numerose persone, asportavano dall’interno della borsa di una anziana donna del luogo la somma di 100,00 euro;

in data il 15 gennaio 2012 in Prata Principato Ultra, militari della stazione carabinieri di Pratola Serra traevano in arresto in flagranza di reato 2 pregiudicati, di nazionalità serba e provenienti dal Napoletano, per furto aggravato in abitazione, avvenuto poco prima nel Comune di Pietradefusi, ricettazione e possesso ingiustificato di arnesi atto alla scasso;

in data 19 febbraio 2012 i carabinieri della stazione di Montoro Inferiore traevano in arresto un 26enne pregiudicato del luogo perché sorpreso in flagranza mentre stava effettuando un furto in una abitazione del posto;

in data 14 febbraio 2012, in Bracigliano (SA), militari della stazione carabinieri di Serino, al termine di mirata attività d’indagine, traevano in arresto due pregiudicati del posto, in esecuzione ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Tribunale di Avellino, perché ritenuti responsabili di concorso nel reato di furto di nocciole commesso in Serino il 6 ottobre scorso;

in data 22 marzo 2012, in Napoli, militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Montella, traevano in arresto in esecuzione di O.C.C. emesse dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, tre pluripregiudicati partenopei, resisi responsabili in concorso tra loro di furto in abitazione consumato in Montemarano;

in data 22 marzo 2012, i carabinieri della Stazione di Bisaccia traevano in arresto, in flagranza di reato, due rumeni per furto aggravato perché sorpresi ad asportare, da un deposito, 2 caldaie a gas, ed un ingente quantitativo di rame e materiale vario;

in data 25 marzo 2012, i carabinieri della stazione di Monteforte Irpino traevano in arresto un 26enne pregiudicato del luogo perché sorpreso in flagranza mentre commetteva il furto di uno scooter all’interno del locale ufficio postale;

in data 27 marzo 2012, i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto un 36enne pregiudicato di Baiano perché sorpreso in flagranza mentre stava commettendo un furto all’interno di una deposito giudiziario di Sperone;

in data 4 aprile 2012, i carabinieri della stazione di Lioni traevano in arresto un minore, pregiudicato del luogo, poiché poco prima si era reso responsabile di un furto con strappo ai danni di una pensionata mentre usciva dal locale ufficio postale;

in data 11 aprile 2012, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano arrestavano un 37enne e un 44enne, entrambi operai napoletani, perché sorpresi in flagranza mentre perpetravano un furto all’interno di un cantiere edile di Sirignano;

in data 23 aprile 2012, in Cerignola (FG) i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi, a seguito di attività investigativa, traevano in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, due pregiudicati del luogo per furto aggravato di due mezzi agricoli, incendio doloso di due autovetture a scopo di estorsione e detenzione abusiva di 98 proiettili per pistola cal. 9;

in data 13 maggio 2012, in Vallata, i carabinieri della locale stazione coadiuvati da personale della sottosezione della Polizia Stradale di Grottaminarda traevano in arresto tre irpini e un rumeno sorpresi in flagranza del reato di furto; i quattro, incensurati, si erano resi responsabili del furto di un raffinato portale in pietra antico del valore di 6000,00 euro circa, custodito in una villa di Vallata;

in data 30 maggio 2012, i carabinieri della stazione di Serino, al termine d’una lunga attività d’indagine, sono riusciti a identificare una banda dedita ai furti e alla ricettazione che operava nell’area in quell’area della provincia; i sei componenti della banda, colpiti da avvisi di garanzia per furto aggravato e continuato in concorso nonché ricettazione, sono tutti residenti a Serino e di età comprese tra i 30 e i 60 anni e comunque, già gravati da precedenti penali e/o di polizia per reati specifici, sono ritenuti responsabili di una lunga serie di furti commessi dall’agosto 2010 al novembre 2011 in danno di ristoranti, bar, fondi e depositi agricoli, tutti ubicati nello stesso ambito serinese donde avrebbero asportato ogni cosa facilmente rivendibile.

*  *  *

 

Nel settore del contrasto dei fenomeni di natura predatoria è opportuno ricordare come la crescita esponenziale dei servizi notturni in città e sulle maggiori arterie della provincia ed il piano dei posti di controllo sull’intera provincia ha consentito una maggiore aderenza alla esigenze di sicurezza del territorio. Significativo in tal senso, l’aumento dei furti scoperti con l’arresto in flagranza degli autori, segno che l’aderenza sul territorio, consente un intervento immediato e risolutivo, con risultati di primissimo piano.

Violenza sulle persone:

in data 18 giugno 2011 in Volturara Irpina, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto un pregiudicato perché resosi responsabile di tentato omicidio aggravato, detenzione e porto di arma clandestina, avendo esploso colpi di arma da fuoco contro un vicino di casa;

in data 13 ottobre 2011, in Atripalda, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto in flagranza di reato 60enne del luogo, per il reato di violenza sessuale aggravata;

in data 10 novembre 2011, in Mercogliano, i militari della locale stazione carabinieri, al termine di una mirata attività d’indagine, accertavano elementi di reità in capo di un 53enne del luogo ed originario di Nocera inferiore (SA), traendolo in arresto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare per il reato di violenza sessuale aggravata;

in data 21 novembre 2011, in Avellino, i militari della stazione carabinieri del posto traevano in arresto in flagranza di reato una 43enne del luogo, per il delitto di tentato omicidio;

in data 14 dicembre 2011, in Avellino, personale del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia, al termine di mirata attività d’indagine accertavano gravi elementi di reità in capo di 64enne pluripregiudicato del luogo, traendolo in arresto per il reato di violenza sessuale continuata;

in data 1° febbraio 2012, i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentato omicidio un 44enne pregiudicato del luogo ritenuto responsabile di aver colpito con un coltello da cucina la propria sorella a seguito di un diverbio;

in data 30 marzo 2012, i carabinieri della stazione di Quindici arrestavano per tentato omicidio un 50enne e una 45enne di Moschiano per avere aggredito e tentato di uccidere, per futili motivi, una 50enne del posto;

in data 18 maggio 2012, i carabinieri della stazione di Andretta traevano in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, un giovane pregiudicato del luogo per maltrattamenti in famiglia, violenza privata e violazione di domicilio.

Truffa

in data 14 giugno 2011 militari della locale stazione carabinieri di Avellino, davano esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli a carico di 4 partenopei, tre uomini ed una donna, perché ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alle truffe ai danni di anziani.

Controlli alle armi

in data 30 agosto 2011, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano traevano in arresto un 50enne pregiudicato di Ostuni (BR) per aver illegalmente detenuto e portato in luogo pubblico una pistola semiautomatica con matricola abrasa;

in data 29 settembre 2011, in Solofra, i militari della locale stazione carabinieri traevano in arresto in flagranza di reato un 33enne pregiudicato del luogo, per detenzione illegale di armi e munizioni nonché resistenza a pubblico ufficiale;

in data 23 novembre 2011 i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto un 35enne pregiudicato di Sperone, per detenzione illegale di materiale esplodente consistente in 96 artifizi e ordigni esplosivi confezionati artigianalmente;

in data 26 dicembre 2011, in Avellino, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia traevano in arresto, in flagranza di reato un 37enne ed un 30enne, entrambi pregiudicati del luogo, per detenzione e porto illegale di arma clandestina, danneggiamento, esplosione pericolosa, detenzione illegale di armi, munizioni e materiale esplodente;

in data 16 aprile 2012, in Atripalda, militari della locale stazione carabinieri, durante un normale controllo della circolazione stradale, traevano in arresto in flagranza di reato 60enne pregiudicato di Avellino, per illegale detenzione di arma clandestina, di arma comune da fuoco e detenzione di munizioni.

Disagio giovanile

in data 14 giugno 2011 i carabinieri della stazione di Lioni traevano in arresto, a seguito di perquisizione domiciliare, una persona per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti poiché trovato in possesso di grammi 18 di “hashish”;

in data 16 giugno 2011, in Montecalvo Irpino, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto in flagranza di reato un 32 di Casalbore poiché a seguito di predisposto servizio veniva sorpreso a bordo della propria autovettura con 50 gr. circa di sostanza stupefacente del tipo hascisc e due dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina;

in data 8 luglio 2011 in Frigento, Sturno e Gesualdo, i militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Mirabella Eclano, a conclusione indagine denominata “Operazione Cracker” traevano in arresto 5 persone del luogo e 2 persone con obbligo dimora in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Procura di Sant’Angelo dei Lombardi, per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio;

in data 11 luglio 2011, in Bonito, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto in flagranza di reato due giovani coniugi di Bonito poiché sorpresi a coltivare in un terreno attiguo alla loro abitazione undici piante di marijuana;

in data 15 settembre 2011, in Serino, militari della locale stazione carabinieri, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati in materia di sostanze stupefacenti, traevano in arresto in flagranza di reato un 54enne del luogo, per coltivazione di sostanze stupefacenti perché trovato in possesso di 42 piante di canapa indiana, 350 grammi di marijuana confezionata e pronta per lo spaccio, 14 grammi di semi di canapa indiana, 2 bilancini di precisione e la somma di euro 350 in contanti;

in data il 16 settembre 2011, in Sperone, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti, i militari del Nucleo investigativo traevano in arresto, in flagranza di reato, tre persone perché trovati in possesso di 5 grammi di sostanza stupefacente (cocaina del tipo crack e marijuana) già confezionata che stavano spacciando; nel medesimo contesto veniva segnalato alla competente autorità amministrativa quale assuntore un 41enne di Sperone;

in data 28 settembre 2011, in Summonte, militari della stazione carabinieri di Ospedaletto d’Alpinolo traevano in arresto in flagranza di reato un 61enne di Atripalda per i reati di coltivazione di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi e munizioni;

in data 29 ottobre 2011 i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto un 37enne, e deferivano a piede libero la moglie, una 33enne, entrambi di Nola per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente perché trovati in possesso, durante una perquisizione veicolare e personale, di 7 involucri di hashish per un peso totale di 230 grammi;

in data 17 novembre 2011, in Lacedonia, i carabinieri della locale stazione traevano in arresto 31enne, pregiudicato del luogo, poiché a seguito di perquisizione domiciliare veniva trovato in possesso di 70 grammi di marijuana, una pistola scacciacani cal. 8mm modificata e priva del tappo rosso e munizioni di vario calibro;

in data 1 dicembre 2011, i carabinieri della Stazione di Avella traevano in arresto un 33enne pregiudicato del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente perché trovato in possesso, durante una perquisizione domiciliare, di 2,5 kg. di marijuana e un bilancino di precisione;

in data 10 dicembre 2011, i carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano traevano in arresto un 32enne pregiudicato di Sperone, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente perché trovato in possesso, durante una perquisizione veicolare, di 3 gr. di cocaina e 2 gr. di eroina;

in data 17 dicembre 2011, in Atripalda e Cesinali, nel corso di un servizio mirato a contrastare il fenomeno del consumo e spaccio di droga, militari della stazione carabinieri di Atripalda e quelli di Aiello del Sabato traevano in arresto in flagranza di reato un 40enne pluripregiudicato di Cesinali per spaccio di sostanze stupefacenti deferendo, inoltre, in stato di libertà altri due pregiudicati di Atripalda per concorso nel medesimo reato;

in data il 27 dicembre 2011, in Pratola Serra, militari dell’Aliquota adiomobile della Compagnia di Mirabella Eclano traevano arresto un pregiudicato di Montefalcione per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di materiale esplodente in quanto trovato in possesso di gr. 200 di hashish e di 27 kg. di artifizi pirotecnici di tipo proibito;

in data 19 gennaio 2012, i carabinieri della stazione di Avella traevano in arresto un 40enne operaio del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente perché trovato in possesso, durante una perquisizione domiciliare, di 160 gr. di marijuana;

in data 22 febbraio 2012, i carabinieri della stazione di Avella e quelli dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Baiano traevano in arresto un 28enne disoccupato del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti perché sorpreso mentre cedeva 3 gr di hashish ad una terza persona;

in data 23 febbraio 2012, in Montesarchio (BN), personale della stazione carabinieri di San Martino Valle Caudina, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dello consumo di stupefacenti, traeva in arresto in flagranza di reato un 21enne pregiudicato del luogo, denunciando, nel medesimo contesto, in stato di libertà altro giovane pregiudicatone, perché responsabili di concorso nel reato di spaccio di stupefacenti;

in data 13 marzo 2012, in Manocalzati, militari della stazione carabinieri di Avellino, nel corso di un servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, traevano in arresto in flagranza di reato un 39enne pregiudicato di Pesaro, perché trovato in possesso di gr. 210 di hashish e gr. 2 di cocaina;

in data 30 marzo 2012 in Pratola Serra, militari della Compagnia di Mirabella Eclano traevano arresto in flagranza un ragazzo irpino per detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente in quanto veniva intercettato a bordo della propria autovettura e trovato in possesso di circa gr. 50 di hashish;

in data 30 marzo 2012, in Atripalda, militari della locale stazione carabinieri traevano in arresto in flagranza di reato un 32enne avellinese, perché trovato in possesso di 126 grammi di hashish;

in data 17 maggio 2012, in Montella, personale del Nucleo operativo e radiomobile di quella Compagnia traeva in arresto un pregiudicato residente in Caposele perché resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente pari a 200 gr. hashish;

in data 19 maggio 2012, in Solofra, militari della locale stazione carabinieri, nel corso di un servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, traevano in arresto in flagranza di reato un 27enne del luogo perché trovato in possesso di 20 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina già suddivisa in dosi e destinate allo spaccio;

in data 21 maggio 2012, in Solofra, personale della locale stazione carabinieri intercettava ed arrestava un incensurato del luogo che tentava di sottrarsi al controllo ed a seguito della perquisizione della sua auto venivano trovati sei panetti di hashish per oltre 600 grammi e denaro contante per oltre 8 mila euro;

in data 29 maggio 2012, in Ariano Irpino (AV), Avellino, Bisaccia (AV), Baronissi (SA) e Valle di Maddaloni (CE), personale del Nucleo operativo della Compagnia di Ariano Irpino, nell’ambito di indagini finalizzate a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti ed al termine di una vasta attività investigativa durata diversi mesi, eseguiva una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di quel Tribunale, nei confronti di nove giovani del luogo, tutti responsabili di concorso nella vendita, commercializzazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Il contrasto alla delinquenza minorile è passato anche attraverso mirati servizi contro la cd “Movida violenta” nel corso dei quali sono stati conseguiti significativi risultati, tra i quali è importante segnalare gli interventi contro i gestori dei locali pubblici sorpresi a somministrare bevande alcoliche fuori dagli orari consentiti, che sono stati sanzionati per tale violazione, e la denuncia per i titolari di pubblici locali che producevano rumori molesti.

Nel corso dell’anno sono stati altresì svolti dai Carabinieri di tutte le Stazioni una serie di servizi finalizzati al controllo della dispersione scolastica, con 95 istituti della provincia controllati e 113 genitori denunciati a seguito di 62 violazioni accertate.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com