www.giornalelirpinia.it

    20/10/2018

L’ultima luna/Al Goleto la presentazione del libro di Emanuela Sica

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Irpinia9_loc_luna.jpgSANT’ANGELO DEI LOMBARDI – È in programma mercoledì prossimo, presso l’abbazia del Goleto di Sant’Angelo dei Lombardi, la presentazione del libro L’ultima luna di Emanuela Sica, edito da Luca Pensa. Dopo i saluti di monsignor Tarcisio Gambalonga,  vicario episcopale e direttore ufficio episcopale Beni culturali, e Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, presidente Corpo internazionale di soccorso Smoc di Sg, a parlare dell’opera, presente l’autrice, saranno Emilia Bersabea Cirillo, Ilde Rampino, Giandonato Giordano, Luigi Anzalone.  Modera i lavori Elisa Forte. Le letture sono a cura di Federico Barbieri.

L’ultima luna - Lavoro ispirato dall’omonima canzone di Lucio Dalla, artista maestro dell’introspezioni umanistiche/oniriche; affronta la vita, l’amore, la morte, la mitologia. Tratti fondanti dell’umanità, struttura portante del libro. L’autrice – si legge sulla pagina di copertina –  racconta l’amore e le sue infinite metamorfosi e catarsi; la vita e le sue concretezze di cronaca, attualità e storia, in una danza cruenta (e impari) con la morte; la mitologia e le sue strabilianti storie nell’eterna lotta tra eros e thanatos. Racconti e monologhi che aprono, scenograficamente, il sipario su un mondo, antico e moderno, fatto di uomini e donne che (realmente o mitologicamente) con le loro storie hanno lasciato un segno, a volte profondo a volte superficiale, nella vita di ognuno di noi.

Scrive Luigi Anzalone nella prefazione del libro: “Sica si segnala, nel panorama poetico-letterario dell'Italia contemporanea, come una personalità interessante e di sicuro avvenire. Infatti i suoi scritti (racconti, monologhi e poesie) sono non soltanto una delle più cospicue testimonianze, liricamente meditanti, della grave crisi della civiltà della scrittura e del pensiero riflettente e poetante, ma molto di più. Sono, anche e soprattutto, il prodotto dell'insonne impegno creativo di un ingegno ispirato e di una ragione, insieme, critica e appassionata, che intendono opporsi a una tale crisi e a quella ben più grave da cui essa promana. Un'opposizione, quella di Sica, condotta, manco a dirlo, in nome dell'humanum, ovvero dei valori razionali ed emozionali su cui si fondano la libertà, la dignità e l'uguaglianza, di cui una delle più significative ed eminenti espressioni sono le humanae litterae. Questo libro, L'ultima luna. Racconti e monologhi, si colloca, nel suo lavoro intellettuale, come rappresentazione pregnante e articolata della stratificata e preoccupante crisi della nostra società e come convincente espressione del creativo tentativo di farle fronte in modo decisamente particolare e coinvolgente, giammai declamatorio. Ecco perché L’ultima luna si raccomanda alla lettura di un ampio e qualificato pubblico, così da mantenere innanzitutto aperto, anzi sviluppare il dibattito che riguarda una nostra modalità fondamentale di abitare il mondo nel tempo che ci è dato vivere: la modalità di scrivere, raccontare, tramandare, perché venga letto, conosciuto, pensato da altri dopo di noi, quello che non vogliamo muoia con noi”.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Chime

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com