www.giornalelirpinia.it

    23/11/2017

Arte in scena, in mostra al Gesualdo le donne di Pacilio

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Mostre_pacilio.jpgAVELLINO –  Settimo appuntamento con “Arte in scena 2015”, giovedì prossimo, in occasione dell’inaugurazione nel foyer del teatro Gesualdo di Storie traviate, la mostra dell’artista, illustratrice e scenografa avellinese Bianca Pacilio che così spiega la sua personale: «Storie traviate, alla lettera, significa storie che prendono un'altra via. Basta cambiare punto di vista, operare uno scarto anche minimo all'interno di una tradizione narrativa sedimentata universalmente ed è...tutta un'altra storia. Protagoniste delle Storie traviate sono donne naturalmente traviate (Biancaneve, Cenerentola, la Regina di cuori, Alice), non perché abbiano smarrito la retta via, ma perché hanno deciso di scegliere in autonomia la propria strada, ribellandosi agli stereotipi di una secolare memoria collettiva».

Al vernissage interverranno, oltre all’artista, il presidente dell’Istituzione teatro comunale Luca Cipriano, Alberto Iandoli, che introdurrà la figura dell’artista avellinese, la giornalista Stefania Marotta e il cultore d’arte e letteratura Nicola Argenziano.  Seguirà un intervento musicale con esecuzione di brani di bossanova a cura del trio Vincenzo Pacilio, Serena Eulogio e Orazio Aurilia.

Bianca Pacilio vive e lavora ad Avellino.  Dopo la maturità scientifica, ha conseguito il diploma prima in grafica pubblicitaria e fotografia, successivamente in costume e moda e in tecnico del montaggio audiovideo. Nel 2003 si laurea in Scenografia, presso l'Accademia di Belle Arti a Napoli, sotto la guida del maestro Tony Stefanucci e nello stesso anno firma le scenografie per l'opera lirica “Dido and Aenas” di Purcell, messa in scena al Conservatorio di Musica “Domenico  Cimarosa” di Avellino, mentre nel 2007 ricopre il ruolo di Assistente Scenografa per il film “Il Rabdomante” di Fabrizio Cattani. Nel 2010 realizza allestimenti e installazioni artistiche per l’evento “Cairano 7x”, ideato da Franco Dragone, e per “Castellarte”, a cui ha collaborato anche alla successiva edizione nel 2011. Sempre nel 2010 ha realizzato allestimenti e installazioni artistiche per l'evento “Sentieri Barocchi” per conto dell’Ente provinciale per il Turismo di Avellino. Nel 2011 ha realizzato il libro e lo spettacolo “Andrea e l'orto portentoso”, favola in musica per il Teatro Comunale “Carlo Gesualdo” di Avelino. Nel 2012 ha curato le scenografie per il musical “Alice(ia)” e quelle di “Valores de Minas” e “Belo Horizonte Brasil”.

Bianca Pacilio attualmente collabora per la realizzazione di laboratori d’arte e allestimento di mostre con l’Osservatorio Maninarte di Avellino e  con l'Associazione Segni Inversi.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com