www.giornalelirpinia.it

    01/02/2023

Creature da palcoscenico, al circolo della stampa la presentazione del libro di Cataldi

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Cultura6_cataldi.jpgAVELLINO – Si è tenuto ieri pomeriggio, presso il circolo della stampa di Avellino, l’incontro di presentazione del libro “Creature da Palcoscenico" di Maria Grazia Cataldi, pubblicato e distribuito da Editoriale Scientifica.

L’evento - si legge in un comunicato - è stato organizzato dall’Accademia dei Dogliosi di Avellino ed ha visto gli interventi di Fiorentino Vecchiarelli, presidente dell’Accademia, Ilde Rampino e dell’autrice, Maria Grazia Cataldi. L’incontro è stato moderato dal giornalista Gianluca Amatucci davanti ad una numerosa platea e con la presenza dei rappresentanti della casa editrice.

L’Accademia dei Dogliosi - commenta Fiorentino Vecchiarelli - è stata ben lieta di presentare l’interessante lavoro di Maria Grazia Cataldi. Un’opera di assoluta rilevanza, un lavoro durato quasi 10 anni di ricerche, che analizza l’importanza e l’evoluzione del ruolo delle donne nel teatro, siano esse attrici, autrici o registe. L'incontro di oggi rientra nelle attività culturali ed artistiche che l’Accademia propone costantemente nella città di Avellino e non solo.

Un saggio la cui ispirazione parte da lontano, dal contatto col mondo dello spettacolo e dalla curiosità di ripercorrere la storia del teatro attraverso la presenza femminile sui palcoscenici, considerata sotto un duplice aspetto: di personaggio, creato dalla fantasia degli autori, e di protagonista, agente e creativa.

In questo libro ho voluto far venire alla luce nomi e figure di donne che hanno contribuito - commenta l’autrice Maria Grazia Cataldi - spesso anche sommessamente, con la loro presenza all’evoluzione dell’attività teatrale, intercettando per tempo e assecondando i cambiamenti sociali e culturali intorno a loro. Presentarlo nella mia città, dove ho avuto anche l’onore di lavorare per  il Teatro “Gesualdo”, ha un valore per me importante.

Il divieto per le donne di recitare comincia a vacillare soltanto nel Cinquecento quando nasce la figura dell’attrice che deve anche saper cantare e ballare e, spesso, avere attitudini letterarie. È attraverso di loro che il teatro diventa, così, il punto di osservazione ideale per verificare i cambiamenti culturali, la nascita di nuove sensibilità, il senso della modernità.

Creature da palcoscenico di Maria Grazia Cataldi è disponibile in libreria e online sulle maggiori piattaforme di e-commerce

Aggiornamento del 3 novembre 2022, ore 13.38 - Un libro la cui ispirazione parte da lontano, dal contatto col mondo dello spettacolo e dalla curiosità di ripercorrere la storia del teatro attraverso la presenza femminile sui palcoscenici, considerata sotto un duplice aspetto: di personaggio, creato dalla fantasia degli autori, e di protagonista, agente e creativa.

Inevitabile partire dalla drammaturgia greca, modello archetipo del teatro occidentale, con la sua galleria di ritratti rappresentativi del complesso universo femminile, interpretati però, paradossalmente, soltanto da uomini.

Il divieto per le donne di recitare comincia a vacillare soltanto nel Cinquecento quando nasce la figura dell’attrice che deve anche saper cantare e ballare e, spesso, avere attitudini letterarie. Finché, creature da palcoscenico, si distingueranno nei diversi generi teatrali, conquistando sempre più spazi, non solo sulle scene italiane e straniere, ma nella società. È attraverso di loro che il teatro diventa, così, il punto di osservazione ideale per verificare i cambiamenti culturali, la nascita di nuove sensibilità, il senso della modernità.

Il libro sarà presentato domani, venerdì 4 novembre, alle ore 17:30, presso il circolo della stampa di Avellino, nell’ambito di un evento organizzato dall’Accademia dei Dogliosi di Avellino.

L’autrice

Maria Grazia Cataldi ha svolto la sua attività lavorativa come funzionaria del ministero per i Beni culturali e ambientali, prima presso la Biblioteca Nazionale di Napoli, poi in quella di Bari, infine presso la Soprintendenza Baaas di Salerno e Avellino.

Qui, nel ruolo di responsabile del settore ricerche e attività culturali ha promosso e realizzato convegni, mostre con relativi cataloghi, iniziative volte a far conoscere il patrimonio storico-monumentale del territorio di competenza, anche con documentari televisivi e articoli pubblicati su quotidiani, riviste e periodici di associazioni culturali.

La passione per la ricerca storica e bibliografico-documentaria si è arricchita dell’interesse per le figure femminili del passato quando ha curato, in più occasioni, la biografia di Maria de Cardona, contessa di Avellino nel ‘600, e ha pubblicato il libricino Storia di un feudo. Storie di donne (2005).

Nel 2004 è stata nominata membro del Cda dell’istituzione comunale Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino del quale è stata poi presidente dal 2007 al 2010.

Aggiornamento del 4 novembre 2022, ore 16.43 - Si comunica che il previsto evento di presentazione del libro Creature da Palcoscenico di Maria Grazia Cataldi, in programma oggi pomeriggio (venerdì 4 novembre) al circolo della stampa di Avellino, è stato rimandato a causa delle perduranti condizioni meteo avverse. L’evento si terrà, nella stessa sede, il giorno giovedì 10 novembre alle ore 17:30.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com