www.giornalelirpinia.it

    08/02/2023

L’Avellino affonda il Messina e centra sullo Stretto la prima vittoria esterna

E-mail Stampa PDF

Foto: fonte Acr Messina FacebookMarcatori: 32’ pt Kanoute

ACR MESSINA-AVELLINO 0-1

ACR MESSINA (3-5-2): Lewandowski; Celic (42’ st Busatto), Carillo, Mikulic; Sarzi Puttini, Gonçalves (25’ st Distefano), Fofana, Catania (1’ st Russo), Simonetti; Adorante, Vukusic. A disposizione: Fusco, Rondinella, Fantoni, Konate, Marginean. Allenatore: Capuano.

AVELLINO (4-2-3-1): Forte; Rizzo, Dossena, Silvestri, Tito (35’ st Mignanelli); Matera (42’ st De Francesco), D’Angelo; Micovschi (20’ st Bove), Kanoute, Di Gaudio (35’ st Aloi); Maniero (35’ st Plescia). A disposizione: Pane, Sbraga, Mastalli, Messina, Gagliano. Allenatore: Braglia.

Arbitro: Giuseppe Collu della sezione di Cagliari. Assistenti: Thomas Miniutti della sezione di Maniago e Giuseppe Centrone della sezione di Molfetta. Quarto uomo: Stefano Milone della sezione di Taurianova.

Ammoniti: 22’ pt Catania, 14’ st Simonetti

Recuperi: 1’ pt più 4’ st

Note: angoli, 3-11.

MESSINA – Con un gol di Kanoute l'Avellino batte il Messina e conquista sullo Stretto la sua prima vittoria in trasferta di questo campionato posizionandosi nelle zone alte di classifica a ridosso delle più immediate inseguitrici della capolista Bari dalla quale la dividono sette punti. La squadra di Braglia non ha dovuto faticar molto per avere ragione di un avversario che, per la verità, una volta sotto, si è dato poco da fare per cercare di rientrare in partita. Maniero e compagni, di fronte alla poca consistenza offensiva dei siciliani, si sono limitati a controllare la gara provando a colpire prevalentemente in contropiede. Alla fine l'obiettivo è stato raggiunto con il minimo sforzo.

La cronaca – Si parte con il Messina dell’ex allenatore Capuano schierato con il 3-5-2 e l’Avellino, che all’ultimo momento deve fare a meno di Ciancio per un problema ad un flessore nel corso della rifinitura, con l’ormai consolidato 4-2-3-1. Poco più di 250 i tifosi biancoverdi sugli spalti del Franco Scoglio. Squadre che si attardano in questo avvio di match nella fase di studio con poco spazio alla manovra offensiva e nessun pericolo per i due portieri. Ritmi peraltro poco sostenuti con un evidente tatticismo a fare da padrone in campo. È per Catania, al 22’ pt, il primo cartellino giallo della partita per un fallo su Tito. Squadre che, alla mezz’ora, ancora cincischiano a centrocampo e fanno fatica a dare un minimo di consistenza alla fase d’attacco e a portarsi sotto rete. L’unico spettacolo l’offrono con lo sventolio di bandiere e cori di sostegno le due tifoserie da sempre legate da un antico gemellaggio.

Al 32’ pt arriva la svolta con l’Avellino che si porta in vantaggio con Kanoute lesto a mettere dentro un pallone dopo una prima respinta del portiere Lewandowski. Provano a reagire i biancoscudati di Capuano per cercare di rientrare subito in partita. L’Avellino però non concede spazi e si limita a controllare e a ripartire in contropiede. Ci sarà 1 minuto di recupero. Il risultato non cambia: si va negli spogliatoi con l’Avellino in vantaggio per 1-0.

Ripresa – Nel Messina Russo in campo al posto di Catania dal primo minuto del secondo tempo. Si parte con l’Avellino in avanti. Al 4’ st risponde il Messina con un tentativo d’attacco che viene però neutralizzato dalla difesa biancoverde. Avvio di ripresa piuttosto blando: il Messina fa fatica a dare continuità alla sua manovra offensiva, l’Avellino si limita a controllare e a difendere il vantaggio. Al 14’ st ammonito Simonetti. Al 20’ st Bove rileva Micovschi. Si fa rivedere il Messina in avanti ma senza convinzione. Al 25’ st Distefano rileva Goncalves. Al 28’ st sbroglia una pericolosa occasione dinanzi alla propria porta Lewandowski. Arriva al 31’ st il primo pericolo per la porta irpina con un colpo di tacco di Adorante. Al 35’ st tre le sostituzioni nelle file dell’Avellino: fuori Tito, Di Gaudio e Maniero, al loro posto in campo ci vanno Mignanelli, Aloi e Plescia. Ancora cambi: al 41’ st Busatto rileva Celic mentre De Francesco sostituisce Matera. Ci saranno 4 minuti di recupero. Al 48’ st fuga di Mignanelli, alta sulla traversa la sua conclusione. Finisce la gara: l’Avellino conquista la sua prima vittoria in trasferta di questo campionato. In aggiornamento…

Aggiornamento del 14 novembre 2021, ore 20.30 – Le dichiarazioni post gara di mister Piero Braglia - “Abbiamo fatto una buona gara, abbiamo rischiato pochissimo, abbiamo provato a vincerla fin da subito. Penso che stiamo anche crescendo nel bel modo di stare insieme, nel bel modo di giocare. Oggi c’è stato un gruppo molto unito, anche i ragazzi che sono entrati, stanno crescendo, stanno venendo anche dei risultati. Questa squadra sta dimostrando che dei valori ce l’ha, eccome. Adesso dobbiamo cercare di lavorare e di migliorarsi perché ancora facciamo degli sbagli. Dobbiamo essere molto più cattivi e più determinati, però stiamo sulla strada giusta”.

Aggiornamento del 14 novembre 2021, ore 20.40 – Le dichiarazioni del ds Salvatore Di Somma - “Io volevo pubblicamente ringraziare, a nome della società, a nome mio personale, a nome dei calciatori e dello staff tecnico, il gesto di Kanoute che ieri, mentre eravamo in viaggio, eravamo a Cosenza, è stato raggiunto dalla notizia della morte della suocera per cui è rientrato ad Avellino, la moglie era disperata, e non sapevamo se rientrava per la partita. Ieri sera è rientrato, ha giocato, ha fatto una grande prestazione, ha fatto gol e ci ha fatto vincere la partita”.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com