www.giornalelirpinia.it

    14/04/2024

Antica fornace scoperta a Santa Paolina, interviene la Soprintendenza

E-mail Stampa PDF

Una veduta di Santa PaolinaSANTA PAOLINA – “Scoperta un’antica fornace di 3000 anni fa a Santa Paolina”: è quanto fa sapere in un comunicato inviato agli organi di informazione e siti web e fatto pervenire al nostro giornale in data 16 luglio 2013, ore 16.47, Isacco Luongo, autore di un libro sul piccolo centro collinare irpino, il quale è convinto che la «la scoperta di oggi (del 15 luglio 2013) costringerà gli storici e gli esperti, a riscrivere nuove strade e percorsi storici nell'Irpinia; proprio a partire da Santa Paolina». «Ecco i fatti – si legge nel testo che sottoponiamo all’attenzione dei nostri lettori - : verso la tarda mattinata di oggi, circa 10 kg di materiale ceramico d'epoca protostorica, costellato da elementi di continuità con frammenti d'epoca medievale, sono stati consegnati alla Soprintendenza ai Beni culturali di Avellino e Salerno, alla cortese attenzione della dirigente responsabile, Dott.ssa Maria Fariello. Il materiale, raccolto lungo il torrente Orsi-Marotta-Picoli di S. Paolina, rivela alcuni frammenti di un'antica fornace che risale ad almeno tremila anni fa». «Stamattina, nei locali della Soprintendenza, nel cuore pulsante dell'Irpinia, le migliori esperte in materia: Dott.ssa Maria Fariello e la Dott.ssa Annamaria Testa, con la collaborazione della restauratrice Rosanna Maraia, hanno fatto luce – si legge ancora nel comunciato – sulla storia antica e preromana di quella civiltà che trovò confortevole e strategico stabilire il centro della cultura di queste ceramiche da impasto, proprio a valle tra le gessaie della località collinare che poi divenne, l'odierno paese di Santa Paolina…Le esperte hanno mostrato particolare attenzione ai reperti, ed hanno isolato una lavorazione denominata “Rusticata”; questo tipo di lavorazione è molto antico, ma risulta anche tra le varie trame ricorrenti; pertanto sarà oggetto di ulteriori verifiche. Altri particolari frammenti, presentano attaccature, orli massicci e si distinguono delle piccole prese di terracotta, con rari casi di orli sottili e appiattiti ad intervalli regolari. Le colorazioni esterne vanno dal giallo ocra al rosso vivo, mentre la granularità risulta in genere massiccia e capita anche di vedere dei sassolini nell'impasto, il tutto è stato posto all'attenzione delle Autorità Competenti».

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com