www.giornalelirpinia.it

    04/02/2023

La lista di Schindler in scena al Gesualdo nel giorno della memoria

E-mail Stampa PDF

Carlo GiuffréAVELLINO – «Il teatro Carlo Gesualdo dimostra di essere sempre più sensibile ai temi strettamente legati all’attualità e all’impegno civile Per questa ragione abbiamo pensato di celebrare la Giornata della Memoria nel ricordo delle vittime delle atrocità naziste con uno spettacolo emblematico dal grande impatto emotivo come “La lista di Schindler” portato in scena da un maestro del teatro italiano come Carlo Giuffré. Quello di martedì al Gesualdo sarà un momento di grande riflessione all’insegna di quel teatro civile e di narrazione che da diverse stagioni compone il variegato cartellone della nostra stagione teatrale».

È quanto dichiara il presidente dell’Istituzione teatro comunale, Luca Cipriano, a proposito dello spettacolo “La lista di Schindler”, terzo appuntamento della rassegna “Teatro Civile”, in scena martedì 27 gennaio, anniversario della Giornata internazionale della memoria, alle ore 10:30 per tutti gli alunni delle scuole medie e superiori della provincia di Avellino, e alle 21:00 per il consueto spettacolo serale, per rendere omaggio alle vittime dell’olocausto e per non dimenticare le atrocità naziste perpetrate durante la seconda guerra mondiale.

Oskar Schindler è semplicemente un uomo. Un uomo – si legge in una noata – che ha vissuto e agito in uno dei periodi più assurdi e folli della storia, quello della dittatura e dell’ideologia nazista. Non ha compiuto un’impresa strepitosa, o inventato chissà quale meraviglia, ha semplicemente agito secondo la propria coscienza, mettendo in salvo la vita di 1200 persone tra uomini e donne, e questo fa di lui un eroe. “Chi salva la vita di un solo uomo salva tutto il mondo” è la frase detta ad Oskar da Itzhak Stern, suo contabile, attorno alla quale ruota tutto lo spettacolo magistralmente interpretato da Carlo Giuffré, uno dei grandi maestri del teatro italiano, che darà voce e volto alla storia di Oskar Schindler ripercorrendo e ricostruendo quegli anni, in cui migliaia di ebrei polacchi furono rastrellati e portati nei campi di concentramento, mentre a Varsavia fu eretto il più grande ghetto d’Europa.

«Portare a teatro la sua storia è un’esigenza del racconto. Raccontare una storia che ricordi un periodo buio ma che possa dare testimonianza della speranza che l’uomo ha la capacità di ribellarsi alle mostruosità compiute dai suoi simili – spiega Francesco Giuffré – Storie ordinarie di uomini e donne che si intrecciano con la straordinaria storia di un uomo, che li salvò dalla follia di una ideologia. Una salvezza testimoniata dal ricordo e dall’esistenza oggi di uomini e donne, figli e figlie, che non sarebbero vivi senza la caparbietà di Oskar Schindler».

“La lista di Schindler”, diretto da Francesco Giuffré che, insieme ad Ivan Russo ha curato anche la drammaturgia, per le musiche di Gianluca Attanasio e i costumi di Sabrina Chiocchio, ha come interprete principale l’attore napoletano Carlo Giuffré.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com