www.giornalelirpinia.it

    25/06/2024

L’Avellino resiste un tempo, poi si arrende: festeggia il Catanzaro

E-mail Stampa PDF

b_300_220_15593462_0___images_stories_Calcio9_czav.jpgMarcatori: 7’ st Vasquez, 28’ st Martinelli

CATANZARO-AVELLINO 2-0

CATANZARO (3-5-2): Branduani; Martinelli, Fazio, Scognamillo; Bayeye, Verna (45’ st Welbeck), Sounas (45’ st Carlini), Cinelli, Vandeputte (45’ st Bjarkason); Vasquez (30’ st Iemmello), Biasci (21’ st Cianci). A disposizione: Nocchi, Romagnoli, De Santis, Bombagi, Maldonado, Gatti. Allenatore: Vivarini.

AVELLINO (3-4-2-1): Pane; Silvestri, Dossena, Scognamiglio; Ciancio (25’ st Rizzo), De Francesco (21’ st Mastalli), Aloi, Tito (25’ st Kragl); Carriero (17’ st Matera), Kanoute (17’ st Micovschi), Maniero. A disposizione: Forte, Chiti, Bove, Di Paola, Tarcinale. Allenatore: Braglia.

Arbitro: Matteo Gualtieri della sezione di Asti. Assistenti Thomas Miniutti della sezione di Maniago e Marco Belsanti della sezione di Bari. Quarto uomo: Valerio Crezzini della sezione di Siena.

Ammoniti: 9’ pt De Francesco, 12’ pt Martinelli, 35’ pt Carriero, 42’ pt Ciancio, 3’ st Bayeye, 30’ st Matera, 40’ st Cianci, 43’ st Sounas

Recuperi: 2’ pt più 5’ st

Espulsi: 41’ st Dossena

Note: angoli, 7-2.

CATANZARO – L'Avellino esce nettamente sconfitto con il classico punteggio di 2-0 dal match contro il Catanzaro gettando alle ortiche l'opportunità di dare una svolta al proprio campionato. La squadra di Braglia ha retto in qualche modo il campo per i primi quarantacinque minuti di gioco venendo meno clamorosamente nella ripresa con una prestazione a dir poco deficitaria sul piano del gioco e della resa atletica. Poche le idee in fase di impostazione con inevitabili riflessi sul gioco offensivo che è del tutto mancato in questa gara. Un passo falso sul quale ci sarà da riflettere da parte di Braglia e dei suoi giocatori in vista dei prossimi impegni di campionato a cominciare da quello di sabato prossimo tra le mura amiche contro il Monterosi.

La cronacaAl Nicola Ceravolo di Catanzaro il big match di questa venticinquesima giornata del campionato di Lega Pro, girone C, tra due pretendenti alla promozione in serie B. È subito bagarre dopo il fischio di avvio da parte dell’arbitro Gualtieri. Al 3’ pt grande intervento di Pane, oggi schierato al posto di Forte, su conclusione di Bayeyes. Pericolo scampato. Prima occasione, al 7’ pt, per Maniero servito a puntino da Kanoute, sfera messa in angolo da Branduani. Crea lo scompiglio nella difesa irpina una palla sbucciata da Pane su attacco dei padroni di casa, per fortuna Carriero ci mette una pezza pur facendo fallo su di un avversario. Al 9’ cartellino giallo per De Francesco per un fallo su Sounas. Al 12’ pt ammonito Martinelli in ritardo su Aloi. Match subito vibrante combattuto su ritmi elevati. È il Catanzaro che prova a dare una maggiore continuità alla sua pressione ma l’Avellino appare concentrato ed attento a non concedere troppi spazi. Partita, alla mezz’ora di questa prima parte, che si va caratterizzando per un sostanziale equilibrio nel segno, però, di un diffuso nervosismo tra i due schieramenti. Al 35’ pt ammonito Carriero per un fallo su Vandeputte. Arriva male sul pallone, al 39’ pt, lo stesso Carriero la cui conclusione è da dimenticare. Al 42’ pt vistosa trattenuta di capitan Ciancio su Vandeputte, arriva inevitabile l’ammonizione da parte del direttore di gara. Salva la propria porta Pane, al 45’ pt, su conclusione di Biasci lanciato a rete. Saranno due i minuti di recupero. Si va negli spogliatoi con il risultato bloccato sullo 0-0.

Ripresa – Nessuna sostituzione. Al 3’ st ammonito il francese Bayeye. Non sembra cambiare il livello di gioco in questo avvio di secondo tempo. Squadre che non offrono spunti in fase offensiva e che badano soprattutto a controllarsi a vicenda. Ci pensa, però, al 9’ st l’argentino Vasquez a sbloccare il risultato con una gran botta di destro da fuori sulla quale nulla può fare il portiere Pane. Prova subito a reagire l’Avellino ma è il Catanzaro che continua a tenere banco e ad essere più reattivo. Al 14’ st un nuovo pericolo per la porta irpina con Vasquez ancora protagonista. Insistono in avanti i giallorossi. Al 16’ st salva la propria porta Pane con una parata a terra su tiro ravvicinato di Sounas. Corre ai ripari Braglia: al 17’ st Micovschi e Matera in campo al posto di Kanoute e Carriero. Al 21’ st Cianci rileva Biasci nel Catanzaro e Mastalli sostituisce De Francesco nelle file dell’Avellino. Al 25’ st ancora una doppia sostituzione: fuori Ciancio e Tito, dentro Rizzo e Kragl. Manca la reazione da parte degli irpini. Bada invece al sodo il Catanzaro che, al 28’ st, mette a segno il gol del raddoppio con un gran colpo di testa di capitan Martinelli che fa fuori il portiere Pane mettendo una palla imprendibile nel set. Al 30’ st fuori Vasquez, dentro Iemmello. Al 40’ st cartellino giallo per Cianci. Al 41’ st espulso Dossena per un fallo su Cinelli. Cartellino giallo al 43’ st per Sounas. Tripla sostituzione nel finale di tempo per il Catanzaro. Saranno cinque i minuti di recupero. Vince 2-0 il Catanzaro. In aggiornamento…

Aggiornamento del 6 febbraio 2022, ore 20.10 – Le dichiarazioni post gara dell’allenatore Piero Braglia – “Avevamo anche un giorno di recupero in meno rispetto a loro. Il primo tempo è stato equilibrato dove noi abbiamo avuto occasioni e loro anche, il secondo tempo non avevamo cambi perché avevamo tutti gli attaccanti, Murano, Plescia e Di Gaudio a casa, cambi obbligati, e fai fatica. Ha preso un gol su una deviazione, poi è chiaro che la partita gira, abbiamo cercato di cambiare dove c’erano giocatori ammoniti, poi c’è stato anche il fatto di Dossena. Comunque non finisce qui il campionato, anzi è appena iniziato. Vediamo”.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com